Cronaca

Blitz antiassenteisti al Cas, le verifiche del direttore generale Minaldi

Più di uno aveva lasciato il posto di lavoro senza giustificazione. I possibili provvedimenti disciplinari anche per le mancate risposte al centro radio dei “reperibili” la notte dell'incidente mortale del musicista Paci

Nuovo blitz al Consorzio autostrade di contrada Scoppo dopo quello della Polizia effettuato di martedì scorso. Stavolta i controlli sono scattati su iniziativa del direttore generale Salvatore Minaldi che ha voluto verificare tutte le presenze pomeridiane del personale. L’iniziativa è stata determinata dal fatto che MInaldi ha cercato inutilmente di rintracciare alcune figure professionali e non li ha trovati sul posto di lavoro. E’ stato dato mandato alle segretarie di prendere tutte le presenze  al fine di capire se gli assenti erano giustificati da permessi o ferie.

Nei giorni scorsi invece, il blitz negli uffici del Cas da parte della Polizia di Stato, non della Dia, era legato all’incidente mortale di Claudio Paci avvenuto in autostrada. Gli ispettori hanno portato via interi faldoni che riguardava i lavori di manutenzione sull’A20, luogo dove si è verificato l’incidente che ha fatto perdere la vita al giovane musicista di Milazzo.

Sul decesso è stata aperta una indagine che investe tutto il personale addetto alla sorveglianza e alla manutenzione del tratto interessato al sinistro e quelli che avevato la reperibilità e che non hanno risposto alle chiamate del centro radio del Cas sollecitate dalla polizia stradale.

A causa di tali inadempienze, così come per le assenze di ieri a quanto pare non tutte giustificate, potrebbero scattare anche provvedimenti disciplinari da parte dei vertici del Cas.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz antiassenteisti al Cas, le verifiche del direttore generale Minaldi

MessinaToday è in caricamento