Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca San Piero Patti

Bobby, il cane di San Piero Patti trovato morto sul ciglio della strada: l'Aidaa presenta un esposto

Il cagnolone era molto amato da tutto il paese che lo aveva adottato e dove era libero di girare bevendo fra le ciotole messe a disposizione dai residenti. Giovedì il ritrovamento del corpo senza vita dell'animale su cui l'associazione vuole vederci chiaro

Era amato da tutto il paese di San Piero Patti, il piccolo Bobby, un cagnolone abbandonato che era libero di girare per le strade senza intimorire nessuno ma raccogliendo le carezze di chiunque si fermasse a giocare con lui. Fino a giovedì 16 settembre, quando il corpo senza vita dell'animale è stato trovato abbandonato sul ciglio della strada. Un fatto, quello accaduto nel paese nebroideo, su cui adesso anche l'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente ha inviato un esposto alla procura di Patti, decisa a indagare sulle cause della morte. 

L'Aidaa intende infatti anche verificare le eventuali responsabilità sia di chi lo ha ucciso, e della pubblica amministrazione e di comprendere se il sindaco: "Non ha ottemperato ai dettami della legge nazionale alla lotta al randagismo 281/91 che mette in capo al sindaco la gestione dei cani randagi sul territorio, la loro incolumità e la tutela della salute dei medesimi avendo cosi compiuto il reato di abuso d'ufficio". La stessa associazione  animalista in una nota ricorda come il fenomeno dei cani trovati morti in regioni come la Sicilia, la Sardegna e la Calabria sia un fenomeno purtroppo in forte crescita e solo una seria campagna di sterilizzazione dei randagi potrà contenere il fenomeno del randagismo e dell'uccisione spesso per avvelenamento di massa dei randagi", scrivono. 

Intanto sui social si susseguono diversi post dedicati alla mascotte del paese. "Il cagnolone gironzolava nel paese da mesi, perché era stato abbandonato, ma era mansueto, cercava un angolino all'ombra, accettava con discrezione qualcosina da mangiare, beveva nelle ciotoline distribuite nel paese, prendeva calci e minacce e poi, scacciato, se ne risaliva a Fiumara - scrive un ragazzo che si occupa di randagi nel paese - Li aveva trovato un ragazzo ed un cane che erano diventati suoi amici, ma a qualcuno dava fastidio ed ha trovato temporaneamente riparo da una signora nelle vicinanze. Segnalato all'amministrazione comunale, abbiamo cercato un'adozione per lui, ma qui è un'impresa quasi impossibile. Non abbiamo fatto in tempo". 

Per la maggior parte degli abitanti del paese non c'è dubbio: Bobby è stato ucciso e bisogna scoprire di chi è la colpa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bobby, il cane di San Piero Patti trovato morto sul ciglio della strada: l'Aidaa presenta un esposto

MessinaToday è in caricamento