Da Milazzo all'Europa: il "busrapido" di Gabriele Saija viaggia spedito verso il successo

Selezionata da Forbes 2020 l'idea del giovane siciliano, nata nel 2006 insieme al co-fondatore Roberto Ricci, conquista le nazioni europee e fa viaggiare tutti in sicurezza. Ecco il business del noleggio bus spiegato dal fondatore

Gabriele Saija

Solarità, tenacia, voglia di fare e molto spirito di intraprendenza. Un mix vincente, quello che caratterizza Gabriele Saija, 25enne millazzese, trapiantato a Roma da sette anni, che ha creato insieme al casertano Roberto Ricci l'azienda "Busrapido", una startup di noleggio bus selezionata anche da Forbes per la capacità di sapersi reinventare durante l'emergenza coronavirus. "L'azienda nasce nel 2006, quando avevo vent'anni, ma con le idee già chiare sul mio futuro perché da siciliano ho imparato che nessuna difficoltà deve bloccarti, anzi, diventa motore per raggiungere i traguardi prefissati", racconta Gabriele. "La nostra idea è quella di mettere a disposizione anche degli enti pubblici dei veicoli prenotabili comodamente online e a tariffe vantaggiose", spiega. 

Con una sede a Roma e una distacca a Londra il percorso di internazionalizzazione dell'azienda vola spedito verso l'ampliamento, anche in tempi di emergenza coronavirus. "Non si dovevano vanificare gli sforzi del lockdown, quindi abbiamo introdotto un protocollo di sicurezza per le persone a bordo verificando la temperatura, sanificando dopo ogni corsa il mezzo e ozonizzando a fine turno il bus", spiega. Nonostante a febbraio abbiamo ricevuto in 14 giorni prenotazioni da tutta Europa, perdendo quasi 480 mila euro di incassi, la decisione è stata quella di offrire un servizio sicuro riuscendo quindi a intercettare clienti anche durante la chiusura nazionale. I due cofondatori hanno così deciso di realizzare un softwere attraverso cui tracciare chi sale a bordo, mantenendo le distanze di sicurezza, ma senza rinunciare al trasporto. "Abbiamo lavorato con diverse aziende che non potevano garantire lo smartworking trasportando i loro dipendenti da casa al lavoro e viceversa", aggiunge. 

Gabriele, dopo gli studi al Liceo "Impallomeni" di Milazzo, ha frequentato Economia all'Università Luiss Guido Carli. "Sono profondamente legato alla mia terra e avevo provato durante gli anni scolastici anche a svolgere alcune attività politiche - racconta - però la Sicilia non ha dato grandi opportunità ai talenti che possiede". Diverse le richieste da parte degli under30 per mettere il proprio servizio a disposizione dei comuni, degli enti e soprattutto delle scuole. "Si pensa erroneamente che in questo momento il trasporto pubblico è più economico rispetto a quello privato ma non è così - sottolinea Gabriele - Anzi è proprio questo il momento per investire nei trasporti soprattutto sicuro. I trasporti pubblici sono carrozzoni che per anni sono stati utilizzati solo per fare voti e sono completamente inefficienti. In questo periodo storico in particolare bisognava garantire in Italia un rientro a scuola in sicurezza e non la chiusura degli istituti. Al primo posto, dunque, andavano valorizzati dei trasporti sicuri". 

Busrapido è oggi il primosito di prenotazioni di bus a noleggio con oltre un milione di euro di fattorato, oltre 30 mila persone spostate e con partner diffusi su tutto il territorio. Amazon, Colgate, Vodafone, città inglesi come Cambridge e Brighton usufruiscono già da diverso tempo del servizio per dipendenti e alunni. "Il riconoscimento di Forbes mi rende orgoglioso e mi ripaga dei sacrifici fatti durante gli anni - conclude Gabriele - La strada non è stata semplice e ancora dovremo lavorare per affermare il nostro business ma la mia terra mi ha aiutato a vivere ogni percorso con il sole dentro e so che con le proprie forze si arriva ovunque". 

Foto-Fiera-01-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento