I cani randagi di Messina potrebbero finire in Calabria

Una struttura di Taurianova potrebbe aggiudicarsi la gara indetta da Palazzo Zanca. Passerebbero lo Stretto circa 350 bestiole. Ma in passato la 'ndrangheta ha messo le mani sui canili calabresi. Minutoli: "Controlli accurati prima di procedere"

Buona parte dei cani randagi "messinesi" potrebbe presto traslocare oltre lo Stretto. 

Possibile aggiudicataria del bando, pubblicato nelle scorse settimane da Palazzo Zanca, è infatti una struttura di Taurianova, in provincia di Reggio Calabria. Lì dovrebbero essere trasferiti circa 350 cani mentre altri 200 rimarebbero al "Millemusi" di Castanea.

Il Comune ha indetto la gara per rimodulare l'affidamento delle bestiole che finora è andato avanti in regime di proroga. Le note criticità di canili e rifugi, tra tutti il Don Blasco, ha spinto l'amministrazione comunale a individuare un'alternativa. Da qui la gara a ribasso d'asta.

"Abbiamo preso questa decisione - precisa l'assessore Massimo Minutoli - prima di tutto per assicurare il benessere dei cani, tenendo conto anche di eventuali trasporti e spostamenti. C'é stato un tentativo di modificare il bando procedendo secondo migliore offerta economica, ma il dipartimento competente non ha ritenuto opportuno cambiare nulla. La gara è quindi andata avanti e i due potenziali aggiudicatari sono proprio il Millemusi e il canile reggino. Potremmo comunque intervenire con i poteri concessi al segretario generale".

Il Comune dovrà adesso procedere a tutte le verifiche prima di poter assegnare gli animali. "Occorre - spiega Minutoli - controllare ogni documentazione ed avere riscontri oggettivi. Se non sorgeranno problematiche si potrà dare il via al trasferimento delle bestiole. Al momento in città ne contiamo circa 550".

L'amministrazione promette rigore assoluto nei controlli anche alla luce dell'ultima inchiesta che ha riguardato diversi canili calabresi finiti nelle mani della 'ndrangheta. 

Nel giugno del 2018 la procura antimafia di Reggio Calabria, ha disposto l'arresto dei titolari del canile “Il Parco” di Taurianova e dell'impresa Happy Dog, ritenuti vicini al clan Viola-Zagari-Fazzari, e del proprietario di un rifugio nel crotonese, così come dei responsabili Asp e dei sedicenti animalisti che li hanno coperti ed agevolati.

Secondo quanto riporta Repubblica, "solo i rifugi della ‘ndrangheta dovevano aggiudicarsi i sostanziosi appalti per il mantenimento e l’assistenza degli animali. A farne le spese, il titolare di un canile della Locride, fin dal 2014 oggetto di minacce, vessazioni, danneggiamenti ed estorsioni perché 'colpevole' di aver vinto una gara da 284mila euro per l’affidamento degli animali abbandonati, da cui la Happy dog era stata estromessa perché colpita da interdittiva antimafia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento