rotate-mobile
Cronaca Cesarò

Impalcature e rischio caduta dall'alto, blitz dei carabinieri in un cantiere: denuncia e multa per il titolare

E' accaduto a Cesarò. A carico del responsabile della ditta è stata erogata una sanzione amministrativa per complessivi 3.000 euro, con la contestuale sospensione dell’attività dell’impresa

Blitz in un cantiere edile di Cesarò. I controlli nel quadro delle iniziative finalizzate alla prevenzione e alla repressione dei reati inerenti alla sicurezza sui luoghi di lavoro e l’emersione del lavoro nero, sono stati disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Messina. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Santo Stefano di Camastra, supportati dai carabinieri del locale Nucleo Ispettorato del Lavoro.

All’esito dell’attività ispettiva, i carabinieri hanno denunciato per violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro il titolare dell’impresa. Dagli accertamenti, infatti è emersa la mancata installazione di misure di sicurezza per evitare, tra l’altro, pericoli di caduta da impalcature, i cosiddetti pericoli da “lavoro in quota”, con il conseguente rischio per l’incolumità dei lavoratori.

A carico del responsabile della ditta è stata erogata, altresì, una sanzione amministrativa per complessivi 3.000 euro, con la contestuale sospensione dell’attività dell’impresa. Occorre tuttavia precisare che tutti i lavoratori controllati sul posto di lavoro dai Carabinieri, impegnati nelle attività di cantiere, sono risultati in regola.

La campagna dei controlli dei controlli dei carabinieri del Comando Provinciale di Messina e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, nel settore edile, proseguirà nei prossimi mesi in tutta la provincia, con l’obiettivo di continuare nell’incisiva azione di prevenzione e contrasto alle gravi violazioni, che danneggiano fortemente i diritti dei lavoratori e mettono in serio rischio la loro incolumità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impalcature e rischio caduta dall'alto, blitz dei carabinieri in un cantiere: denuncia e multa per il titolare

MessinaToday è in caricamento