Cronaca Sant'Agata di Militello

Carenza di sacche di sangue nelle Asp, corsa contro il tempo per salvare un bimbo di sei mesi

Il piccolo agrigentino stamattina è affidato ai chirurghi dell'ospedale di Taormina per un intervento a cuore aperto. Ma si è temuto il peggio perchè non si trovava plasma di Gruppo B. Una caccia che si è risolta grazie all'ospedale di Sant'Agata di Militello

Una lotta contro il tempo per salvare la vita ad un neonato di sei mesi che in queste ore è stato operato al cuore.

Il piccolo è  giunto al centro di cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Taormina, dalla provincia di Agrigento, per essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico al cuore a causa di un difetto interventricolare. L’intervento già programmato non poteva essere effettuato in piena sicurezza per la mancanza di sacche di sangue dello stesso gruppo del neonato, il B negativo.

L’Ospedale di Taormina a seguito dei protocolli regionali viene approvvigionato di sangue dalla provincia di Siracusa, che in questo momento soffre anch’essa di carenza di sacche dello stesso gruppo.

Appresa la grave criticità è stato il direttore generale Paolo La Paglia  a chiamare personalmente il primario del Centro Trasfusionale di Patti, Gaetano Crisà che è subito attivato e ha reperito le sacche di sangue all’Ospedale di Sant’Agata di Militello.

Un’auto è appositamente partita da Messina per prendere il sangue e portarlo a Taormina, dove è arrivato nell’arco di due ore nel tardo pomeriggio di ieri. Stamattina, mercoledi 17 luglio,  il neonato è affidato all’equipe cardiochirurgica del dottore Agati, con la preziosa collaborazione del primario della cardiologia pediatrica De Zorzi di Taormina.

Di recente una grande campagna per sensibilizzare alla racclta di sangue è stata attivata anche dal Papardo perché Messina e la sua provincia purtroppo non ha l’autosufficienza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza di sacche di sangue nelle Asp, corsa contro il tempo per salvare un bimbo di sei mesi

MessinaToday è in caricamento