rotate-mobile
Cronaca

Caro voli, nasce l'osservatorio sul traffico aereo: la giunta regionale approva ricorso all'Antitrust

Il governo Schifani continua a lavorare per trovare accordo contro il rialzo delle tariffe dei biglietti arei verso la Sicilia

Dopo l'esposto presentato da Codacons all'Autorità garante della concorrenza e del mercato contro l’aumento dei prezzi dei voli da e per la Sicilia, continuano intanto gli interventi da parte della Regione Sicilia per risolvere il problema. La giunta regionale ha deciso di istituire, infatti, un osservatorio permanente per il monitoraggio del traffico aereo siciliano che coinvolgerà i vertici degli aeroporti dell'Isola, le compagnie aeree e i rappresentanti dei consumatori. A proporlo dell'assessore alle Infrastrutture e alla mobilità, Alessandro Aricò, come altro tassello della strategia del governo Schifani volta al controllo caro-tariffe aeree e alla tutela dei viaggiatori siciliani.

"Riteniamo che l'osservatorio sarà uno strumento importante per monitorare il traffico aereo da e per la Sicilia – dice l'assessore Aricò –. Quest'anno sono stati superati i livelli di traffico registrati nel periodo pre-Covid, ma, nonostante questo importante flusso, i vettori hanno deciso di ridurre il numero di voli per Fiumicino e aumentare notevolmente i prezzi, provocando così un danno francamente inaccettabile per i siciliani residenti nell'Isola e nelle altre regioni. Questo nuovo organismo di controllo entrerà in funzione già nelle prossime settimane". 

Nel pomeriggio è stato deliberato all'unanimità la proposta di dare incarico immediatamente a una struttura legale specializzata in ricorsi all'Antitrust, perché si possa valutare l'opportunità e poi immediatamente rivolgersi all'Autorità che vigila sulla concorrenza. A dirlo è il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, che aveva già annunciato l'intenzione di denunciare il "cartello" tra Ita e Ryanair sulla rotta Palermo-Roma in quanto unici vettori a operare su quel percorso.

"È un fatto inaccettabile - prosegue Schifani - che una struttura pubblica come Ita abbia realizzato un'operazione di "cartello" con Ryanair per evitare che ci siano altri concorrenti che possano incidere sui prezzi, decidendo il rialzo delle tariffe, che arrivano fino a 700 euro. Questa è una situazione scandalosa che non può trovare accoglimento da parte delle istituzioni e che penalizza la popolazione siciliana. Noi siamo qui a tutelare i diritti dei nostri giovani e delle nostre famiglie". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro voli, nasce l'osservatorio sul traffico aereo: la giunta regionale approva ricorso all'Antitrust

MessinaToday è in caricamento