rotate-mobile
Cronaca

Messina dà il benvenuto nei suoi quartieri in greco, ecco la toponomastica bilingue

L'iniziativa nell’ambito del progetto “Kalos” per far conoscere la minoranza linguistica greca storicamente presente nel territorio cittadino

Nei prossimi giorni quindici pannelli turistici di benvenuto bilingue greco – italiana, prima tranche della produzione, saranno collocati in altrettante località del territorio messinese. L'iniziativa dell'Amministrazione comunale è stata presentata stamani a palazzo Zanca, presenti il sindaco Federico Basile e l’assessore alle Politiche culturali Enzo Caruso, nel corso di una conferenza stampa, cui hanno preso parte il console onorario di Grecia a Catania Arturo Bizzarro, il presidente della Comunità ellenica dello Stretto Daniele Macris, la professoressa Maria Polimenaku, distaccata a Messina dal ministero dell'Istruzione greco, e una classe del liceo Maurolico.

"Bisogna sempre conoscere e comprendere la storia e le radici della propria città, insieme alla sua evoluzione, – ha spiegato il sindaco Basile - per poi proiettarsi nel futuro. Messina è stata distrutta dal terremoto del 1908, ma non ha mai smarrito le sue origini storiche e questa iniziativa, fortemente voluta dall'Amministrazione comunale, d'intesa con la Comunità ellenica dello Stretto, nasce per trasmettere un altro segnale della sua identità. Partendo dall'origine greca si attivano infatti progetti per consolidare il perimetro storico e identitario e attrarre un segmento importante del turismo culturale".

"Questo percorso, iniziato da qualche anno, - ha proseguito l'assessore Caruso - si sta rafforzando sempre di più per dare un'identità alla nostra Messina, che è stata identificata a livello ministeriale come la città più grande con minoranza linguistica greca del sud Italia. Per questo motivo sono stati attivati progetti per la realizzazione di laboratori per la conoscenza della lingua greca e oggi dal punto di vista turistico si dà un segnale concreto anche sul territorio. Questo progetto si lega ad un altro ancora più ampio in cui il Comune di Messina è partner nella costituzione dell'Italian Blue Route, che è uno dei cammini culturali europei in cui Messina si inserisce con le rotte di Ulisse attraverso il mito greco. Nello specifico stasera verrà inaugurata, alle ore 18, nel foyer del Palacultura, la mostra di Giovanni Guglielmo 'Miti e Leggende. Dai Miti greci alle leggende di Messina', che sarà visitabile per dieci giorni".

La realizzazione della segnaletica turistica bilingua greco-italiana, rappresenta una parte delle attività previste dal progetto Kalos, finanziato dalla presidenza del Consiglio dei ministri - ai sensi della legge n. 482 del 15.12 1999 - e presentato dal comune di Messina nel 2023, per sviluppare un programma di attività finalizzate a valorizzare e fare conoscere la minoranza linguistica greca storicamente presente nel territorio messinese. Nell’ambito del progetto Kalos sono state espletate altre attività quali corsi di lingua e cultura greca per i dipendenti comunali, la redazione di un dizionario multimediale da inserire nel portale del Comune, a cura degli alunni dell'I.C. "Catalfamo", e corsi di greco moderno al liceo Maurolico, grazie al contributo dei professori Daniele Macris, Antonio Cucinotta, Cristina Provenzano, Esmeralda Pagano, Teresa Cucinotta e Giuseppe Carbone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina dà il benvenuto nei suoi quartieri in greco, ecco la toponomastica bilingue

MessinaToday è in caricamento