rotate-mobile
Cronaca Castanea

PalaRitiro in condizioni precarie, insorge il Castanea basket: "Paghiamo colpe non nostre"

La società pronta a rivolgersi alle autorità dopo le sanzioni subite per le mancanze dell'impianto di proprietà comunale

PalaRitiro in condizioni precarie e Castanea basket costretta a pagare. Questa la situazione denunciata dal team messinese in un comunicato stampa in cui annuncia di voler prendere gli opportuni provvedimenti. Dito puntato contro il Comune, proprietario dell'impianto.

"La società è stanca di pagare danni teoricamente surrogati ad un impianto che non è nostro e che il dipartimento, da ottobre, ha completamente abbandonato, lasciando alla deriva anche le società che usufruiscono della struttura – spiega il presidente Filippo Frisenda –. Denunciamo crolli di cornicioni da quest’autunno, quando ancora era sotto sotto esame l’avviso che abbiamo presentato al dipartimento, che si sarebbe dovuto esprimere in maniera positiva o negativa, perché l'impianto ha bisogno di manutenzione. La differenza con quest’anno è che l’anno scorso noi abbiamo investito delle somme di denaro sulla manutenzione dell'impianto, interventi tampone, ovviamente, ma che hanno permesso alla struttura di rimanere aperta per un’intera stagione. Quest’anno nessuno interviene, nemmeno il Comune che ne è il proprietario (eccetto l’acquisto delle protezioni). In pratica, abbiamo un impianto utilizzabile per giocare ma completamente fatiscente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PalaRitiro in condizioni precarie, insorge il Castanea basket: "Paghiamo colpe non nostre"

MessinaToday è in caricamento