Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Caterina, la portalettere di Giostra sempre più smart: “Per prenotare i vaccini gli anziani mi attendevano ai balconi”

Anche nel Messinese Poste Italiane continua a sostenere il processo di digitalizzazione offrendo ai cittadini una serie di prodotti e servizi innovativi direttamente a domicilio grazie ai 308 portalettere in servizio nella provincia e ai loro palmari. Le nuove funzionalità

Si è chiuso con un +46% dell’utile netto rispetto al 2020 l’ultimo bilancio del 1° trimestre di quest’anno di Poste Italiane. “Siamo motore del cambiamento e con la capillarità della nostra rete fisica faciliteremo la transizione digitale dell'Italia”, ha commentato l’amministratore delegato Matteo Del Fante.

Anche nel Messinese Poste Italiane continua a sostenere il processo di digitalizzazione offrendo ai cittadini una serie di prodotti e servizi innovativi direttamente a domicilio grazie ai 308 portalettere in servizio nella provincia e ai loro palmari.

“Il processo di digitalizzazione passa anche da noi – precisa Caterina Calì, portalettere di 36 anni in servizio presso il Centro di distribuzione di via Olimpia a Messina -. Come corriere business mi occupo in particolare del recapito dei pacchi e noto che la gente si affida sempre di più a noi per l’e-commerce. E non solo, perché grazie ai nostri dispositivi portiamo l’ufficio postale a casa dei messinesi fornendo servizi innovativi”.

Il palmare in dotazione ai portalettere nei ventidue Centri di recapito della provincia di Messina, infatti, oltre a rendere più rapide le operazioni affidate tradizionalmente ai portalettere, come la consegna tracciata di corrispondenza, pacchi e raccomandate, assicurate e atti giudiziari, anche grazie all’utilizzo della firma elettronica, permette di gestire in modo efficace anche operazioni a valore aggiunto come il pagamento dei contrassegni, il recapito su appuntamento e il ritiro a domicilio di posta registrata e pacchi.

Grazie agli ultimi aggiornamenti software, inoltre, il palmare è dotato di un vero e proprio POS che consente di pagare i bollettini postali di qualsiasi utenza – sia quelli premarcati che quelli bianchi con inserimento manuale – ed è anche possibile ricaricare il telefono e la carta PostePay.

A questi servizi si aggiunge poi il contributo di Poste a sostegno del Paese nella gestione dell’emergenza Covid-19. I cittadini della provincia di Messina possono infatti prenotare la loro dose di vaccino anche tramite i portalettere, che con un click sul palmare sono in grado di verificare gli slot disponibili in base al CAP ed eventualmente fissare l’appuntamento presso i centri vaccinali.

“Oltre ad offrire servizi digitali per i nostri clienti rimaniamo un punto di riferimento anche a livello umano – racconta Caterina, portalettere da 5 anni e in servizio nella vivace zona del rione Giostra -. La gente, soprattutto all’inizio della campagna vaccinale, attendeva il mio arrivo dai balconi e dietro le finestre, approfittando di un servizio indispensabile in particolare per il target over 80. Molti anziani erano restii a prenotarsi perché pensavano che per loro fosse una procedura troppo complicata ma quando gli rispondevo che ci avrei pensato io e bastavano pochi secondi si sentivano confortati”.

Quella dei portalettere è una conoscenza approfondita del territorio che è messa al servizio anche delle pubbliche amministrazioni locali, come conferma la portalettere Caterina: “Attraverso il servizio di rilevazione infatti possiamo registrare, direttamente sul nostro palmare, informazioni di pubblico interesse come numeri civici, passi carrabili e cartelloni pubblicitari, contribuendo in modo determinante alla conoscenza del territorio messinese fin nelle sue piccole ma numerose realtà locali”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caterina, la portalettere di Giostra sempre più smart: “Per prenotare i vaccini gli anziani mi attendevano ai balconi”

MessinaToday è in caricamento