Cronaca

Migranti fuggiti, De Luca: “Il Viminale risarcisca donando la caserma al Comune”

La richiesta-provocazione al ministro in un post del sindaco: “Potrebbe essere per riconvertito in altre attività gestite dal palazzo municipale”. Intanto dal 28 agosto scattano i sigilli

“Sono convinto che la ministra degli interni Lamorgese per risarcire la comunità messinese assegnerà immediatamente l’immobile al Comune di Messina per riconvertirlo in altre attività gestite dal palazzo municipale”.

E’ la richiesta-provocazione, in un post del profilo facebook del sindaco Cateno De Luca, al ministro dopo l’ennesima polrmica sulla “fuga” di migranti dall’ex caserma Gasparro di Bisconte. Una ventina quelli di cui non si ha notizie.

De Luca ha ribadito la volontà di fare apporre i sigilli il 28 agosto agli ingressi dell’ex hotspot per non fare entrare più nessuno.

Sulla presa di posizione del sindaco è intervenuta anche Gabriella Giammanco, vicepresidente del gruppo di Forza Italia al Senato e portavoce azzurra in Sicilia, dando pieno sostegno.

"Bene fa il sindaco di Messina, Cateno De Luca, a non voler accogliere ancora altri migranti, la Sicilia non può diventare una riserva di clandestini. Il Governo è inerte di fronte agli sbarchi continui e i sindaci, lasciati soli a gestire un'ondata migratoria in piena emergenza sanitaria, si trovano giustamente costretti a prendere decisioni forti. Durante il lockdown si è data la caccia ai runner con i droni, adesso si sono chiuse le discoteche ma i nostri porti restano spalancati ", conclude Giammanco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti fuggiti, De Luca: “Il Viminale risarcisca donando la caserma al Comune”

MessinaToday è in caricamento