rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Trasporti marittimi

Traghetti per le isole minori, la Regione ci riprova: pubblicato il nuovo bando da 129 milioni

Le domande dovranno essere presentate entro l'11 novembre. Nel precedente avviso erano state valutate "non ammissibili le offerte tecniche" di Caronte&Tourist, unica compagnia di navigazione a presentarsi. A gara pure i collegamenti in aliscafo con le Pelagie

La Regione ci riprova e pubblica per la terza volta il nuovo bando quinquennale per i collegamenti in traghetto con le isole minori. Nel precedente avviso, bandito ad aprile scorso, erano state valutate "non ammissibili le offerte tecniche" di Caronte&Tourist isole minori spa.

La compagnia di navigazione del gruppo Franza-Matacena era stata l'unica a partecipare, prensentando offerte solo in tre dei cinque lotti (Eolie, Egadi, Pelagie) riguardanti i servizi regionali integrativi di trasporto passeggeri, veicoli e merci (anche pericolose); mentre ha mandato deserti i lotti di Ustica e Pantelleria. La commissione di gara non ha aggiudicato nessun lotto a Caronte&Tourist isole minori spa, perché la società armatoriale "non ha conseguito il punteggio minimo richiesto dal bando".

Isole minori, ennesima proroga della Regione a Liberty Lines e Caronte&Tourist

Lo scorso 21 settembre, "per garantire la continuità nei collegamenti marittimi", la Regione ha decretato "un'ulteriore proroga tecnica" fino al 28 febbraio 2023, riservandosi la possibilità di rescindere anticipatamente il contratto "in caso di affidamento dei servizi per effetto dell’espletamento delle nuove procedure".

Un bando da 129 milioni per le navi

Ed eccola la nuova procedura: il bando quinquennale predisposto dal dipartimento Trasporti (consultabile sul sito della Regione Siciliana) ha un valore complessivo di 129 milioni di euro ed è sempre suddiviso in 5 lotti: Eolie, Egadi, Pelagie, Pantelleria e Ustica. Le domande di partecipazione vanno inviate attraverso la piattaforma elettronica entro il prossimo 11 novembre; le offerte saranno aperte il successivo 24 novembre. L'aggiudicazione della gara dovrebbe quindi avvenire prima del 28 febbraio, quando scadrà la proroga tecnica concessa dalla Regione a Caronte&Tourist isole minori spa. Società che, "in queste ore, sta valutando la partecipazione ai nuovi bandi". A dirlo è Tiziano Minuti, responsabile Personale e Comunicazione di Caronte&Tourist, che rileva "una scadenza un po' troppo ravvicinata" e auspica che "non permangano le condizioni del precedente bando nei lotti di Ustica e Pantelleria".

La protesta dei sindaci delle isole minori

La notizia dei nuovi bandi per i servizi integrativi della Regione arriva nel bel mezzo di una protesta dei sindaci e delle popolazioni delle isole minori, in agitazione a causa del nuovo calendario invernale e per il taglio di alcune corse. "Ormai da qualche anno - ricorda C&T isole minori - è stata avviata un'interlocuzione con le istituzioni e la politica su alcuni temi ritenuti dirimenti e cioè l’ottimizzazione del rapporto costi-benefici e l’aumento della qualità del servizio, per tenere assieme al meglio le esigenze delle collettività isolane, delle istituzioni e dei vettori. Una interlocuzione che in ultimo si è concretizzata nella costruzione da parte della Regione Siciliana di una modernissima nave, dalle eccellenti caratteristiche di manovrabilità e a bassissimo impatto ambientale, che dovrebbe entrare in linea già a fine 2024 e sarà assegnata in gestione a C&T isole minori". Resta da capire però con quali modalità: bando pubblico o affidamento diretto? La differenza non è di poco conto.

Gli investimenti sulla flotta

Intanto l'azienda fa sapere di aver "approvato un piano di investimenti per quasi 200 milioni di euro, destinati alla costruzione di nuove navi tutte - come la capostipite Nerea, che farà la spola tra Milazzo e le Eolie (il cantiere turco sta lavorando per consegnarla entro l’estate prossima) - a tecnologia avanzata, sia per quanto riguarda i propulsori sia per quanto riguarda lo studio delle carene e della aerodinamica generale. Le navi che utilizzeranno anche la propulsione elettrica e dunque potranno tenere, una volta ferme in banchina, i motori temici spenti".

"Tutte le navi della flotta - aggiunge la compagnia di navigazione - sono state oggetto di aggiornamenti anche radicali, come nel caso della Laurana, della Sansovino e della Paolo Veronese, dotate di nuovi motori diesel di ultima generazione che consentono una sensibile riduzione dei consumi e delle emissioni. Interventi importanti anche sulla Bridge, che è stata dotata di un ascensore e ha adesso motori più potenti e puliti. Pensiamo di arrivare a scadenza di convenzione con una flotta in massima parte rinnovata e con una organizzazione ridisegnata, anche nella prospettiva di proporre tariffe sempre più convenienti".

C&T in amministrazione giudiziaria: a febbraio si decide 

Per Caronte&Tourist spa, società capofila del gruppo armatoriale controllato dalle famiglie Franza e Matacena assieme al fondo d'investimento Basalt, a febbraio 2023 termina il periodo di amministrazione giudiziaria - che non è finalizzata alla confisca dell'azienda ma alla sua "bonifica" - al quale è stata sottoposta dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri e dei sostituti della Dda Stefano Musolino e Walter Ignazitto, per "completare il programma di sostegno alla società, al fine di rimuovere [...] il pericolo di infiltrazione criminale e di assoggettamento alle cosche di 'ndrangheta operanti nel territorio calabrese". Ad agosto scorso l'amministrazione giudiziaria è stata prorogata per la terza volta di sei mesi, a febbraio il Tribunale dovrà prendere una decisione.

Le gare della Regione per gli aliscafi

Per quanto riguarda gli aliscafi, la Regione ha pubblicato un nuovo bando per i collegamenti in aliscafo con le isole Pelagie, per un importo di 16,5 milioni di euro. Anche in questo caso, le domande di partecipazione dovranno essere presentate, attraverso la piattaforma elettronica entro l'11 novembre e le offerte saranno aperte il successivo 24 novembre. Il capitolato d'appalto stabilisce, un minimo di 10 corse a settimana tra Porto Empedocle, Lampedusa e Linosa in alta stagione e 10 in media stagione, mentre tra le due isole dell'arcipelago dovranno essere almeno le 28 corse in alta stagione, 20 in media stagione e 12 in bassa stagione.

Nei giorni scorsi sono state aperte le offerte del bando l'aggiudicazione del lotti che riguardano i collegamenti in aliscafo per le Eolie, le Egadi, Ustica e Pantelleria: per l'aggiudicazione definitiva a Liberty Lines, unica società a partecipare al bando, la Regione attende "il completamento da parte delle autorità competenti delle verifiche antimafia". Motivo per cui ha decretato in favore di Liberty Lines una "proroga tecnica" fino al 31 dicembre.

Fonte: PalermoToday

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traghetti per le isole minori, la Regione ci riprova: pubblicato il nuovo bando da 129 milioni

MessinaToday è in caricamento