menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Enduristi spaventati sui Colli, la versione del poliziotto che ha estratto la pistola

La Procura ha aperto un fascicolo su quanto avvenuto lo scorso 21 febbraio durante un'escursione. Il racconto dell'uomo: "Mi sono sentito in pericolo"

La procura ha aperto un fascicolo sulla vicenda avvenuta lo scorso 21 febbraio in un sentiero dei colli Sanrizzo. Un uomo in tenuta da ciclista ha estratto la pistola durante un acceso confronto con un gruppo di motociclisti impegnati in un'escursione. Il soggetto, poi rivelatosi essere un poliziotto, ha intimato ai presenti la consegna dei documenti e la discussione si è poi accesa. La comitiva di centauri ha successivamente ripreso il percorso, ma alla fine dell'escursione ha ritenuto opportuno denunciare l'accaduto ai carabinieri.

Il video girato da uno dei motociclisti

Un episodio ancora poco chiaro su cui adesso gli inquirenti intendono far luce. Le indagini proseguiranno tenendo conto anche di quanto dichiarato in Procura dal poliziotto. L'uomo ha raccontato che mentre percorreva un sentiero ripido ha udito il rombo di motociclette che si avvicinavano alle sue spalle. Spiega che la paura di essere travolto lo ha spinto ad accelerare perdendo l’equilibro a causa del fondo sdrucciolevole. Una caduta di poco conto che però gli ha causato dolore per l’impatto con un ramo sporgente nel terreno accidentato. Dopo essersi alzato – è la ricostruzione del poliziotto – ha notato il primo motociclista e lo ha redarguito sottolineando che quella strada era interdetta al transito dei veicoli a motore poiché frequentata anche da famiglie con bambini. Il centauro ha invece tentato di rassicurare l'uomo, sottolineando che non era accaduto nulla, chiedendogli di rivelare la propria identità. A quel punto il poliziotto avrebbe estratto il tesserino - sempre secondo il suo racconto - intimando al motociclista di qualificarsi e mostrare tutti i documenti del mezzo. La discussione è proseguita con l'arrivo degli altri componenti della comitiva a bordo delle moto. A quel punto il poliziotto, sentendosi in pericolo in una zona isolata, ha deciso di estrarre la pistola d'ordinanza per sicurezza, continuando a chiedere ai presenti di identificarsi senza però riuscire nell'intento.

A documentare la scena ci sarebbe anche un video del poliziotto stesso ripreso con una telecamera che aveva sul petto. I ragazzi si sarebbero poi allontanati senza fornire le generalità. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano, come scegliere quello giusto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento