rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca

Impianto rugby di Sperone, concessione all'associazione Urm fino al 2032

Il provvedimento firmato dal Comune di Messina. La precedente amministrazione aveva avviato l'iter per chiudere il rapporto a dicembre del 2023

L'impianto sportivo di Rugby in contrada Sperone potrà essere utilizzato dall'associazione U.R.M. Unione Rugby  fino al 2032. Lo annuncia con soddisfazione la stessa associazione dopo la nota con la quale il Comune di Messina, Dipartimento Servizio Sport Spettacolo in persona del dirigente De Francesco, conferma la durata della concessione sino al 2032, per come previsto dalla precedente delibera del 2017, al fine di proseguire il percorso di ammodernamento dello Stadio “Arturo Sciavicco”.  

"Nell’agosto 2021 - si legge nella nota la precedente amministrazione aveva avviato un iter di senso contrario, secondo il quale la concessione si sarebbe dovuta, invece, risolvere il 31 dicembre 2023.   L’associazione U.R.M. Unione Rugby, confidando nella intera durata della concessione, aveva tuttavia già da anni avviato un importante percorso di ammodernamento dell’impianto sportivo, investendo ingenti mezzi e risorse (solo nel 2022, ad esempio, ha investito oltre 500.000,00€ per i lavori di efficientamento energetico e sismico dell’intera struttura).
L’Amministrazione comunale, dal canto suo, ha così valorizzato il proprio territorio, confermando espressamente la propria convenienza nell’intera operazione, in quanto, quale proprietaria, ha potuto riqualificare l’impianto intercettando più canali di finanziamento. Si è finalmente concretizzato il sogno di intere generazioni di rugbisti messinesi: godere di un impianto che adesso rappresenta una vera eccellenza tra le strutture del Meridione".

Per l'esito della concessione, l'associazione ha ringraziato gli avvocati Sabrina Donato e Carmelo Briguglio e il consigliere comunale Nino Interdonato per il costante supporto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto rugby di Sperone, concessione all'associazione Urm fino al 2032

MessinaToday è in caricamento