Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Rada San Francesco "spacchettata", il Cga decide: approdi da riassegnare

La sentenza in seguito al ricorso presentato dall'Autorità portuale che aveva già annullato l'appalto dopo l'opposizione di Caronte&Tourist

Tutto da rifare. Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia ha disposto la riaggiudicazione della gara per la gestione degli approdi della Rada San Francesco. Così l'organo di secondo grado si è pronunciato dopo il ricorso presentato dall'Autorità portuale contro la decisione del Tar di Catania nell'aprile 2022 che aveva annullato la gara d'appalto su opposizione della Caronte & Tourist Spa. I giudici hanno escluso che l’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare, composto da rappresentanti del cluster marittimo, avesse titolo ad essere coinvolto mentre ha confermato il vizio del mancato coinvolgimento del Comune di Messina per effetto di una previsione delle Norme Tecniche di Attuazione del nuovo Piano Regolatore Portuale che per quelle aree prevede una copianificazione tra l’Ente portuale e quello locale. Per questa unica ragione, che non attiene quindi ai contenuti dei bandi impugnati dalla società Caronte&Tourist, resta confermato l’annullamento degli atti di gara e delle successive aggiudicazioni disposte dall’AdSP all’esito della gara stessa che avevamo visto assegnare un terminal alla stessa società ricorrente e l’altro alla COMET S.r.l.. Dopo oltre un anno di blocco della procedura ora l’AdSP dello Stretto potrà rinnovare la procedura di gara,utilizzando gli stessi bandi a suo tempo proposti con l’unica accortezza di acquisire preliminarmente l’intesa con il Comune di Messina con riferimento alle richiamate previsioni delle NTA del PRP.

L'Authority due anni fa aveva disposto la concessione triennale dell’approdo della Rada San Francesco dividendo le aree in due parti e "spacchettando" in cinque gli scivoli da assegnare, tre sul bando del terminal 1 e i restanti sul bando del terminal 2. Ad aggiudicarsi la concessione per tre anni erano stati  la stessa Caronte & Tourist  e la Comet. La società della famiglia Franza aveva fin da subito contestato la legittimità della scelta di lottizzare l'approdo,  Da qui il ricorso basato su osservazioni amministrative secondo le quali la doppia gestione degli scivoli creerebbe problemi anche dal punto di vista logistico "mettendo a rischio il funzionamento di un sistema attivo da 40 anni". 

L'ente portuale aveva sottolineato invece che nessuna censura era stata determinata sulla divisione dell’impianto in due terminal "Al fine di consentire la concorrenza tra operatori; al riconoscimento dell’attività di supporto al traghettamento come un’operazione portuale; al divieto di consentire il passaggio di mezzi pesanti al di fuori delle sole situazioni di blocco per inoperatività degli approdi di Tremestieri diversamente da quanto avviene oggi. Anche la contestazione che la separazione dei terminal possa danneggiare l’operatività delle navi, comportando una inefficienza del traghettamento, non è stata censurata".

Mega: "Soddisfatti del giudizio"

“Nonostante sia necessario ripetere tutta la procedura siamo soddisfatti del risultato del giudizio amministrativo che ha chiarito in via definitiva la correttezza di alcune delle scelte più significative dei bandi che erano state impugnate dall’operatore che da decenni opera in quelle aree. Tra queste: la creazione di due terminal distinti, assegnati a due operatori differenti, per favorire la concorrenza così come fra l’altro indicato dall’Autorità Garante per il Mercato e la Concorrenza; il rilascio delle concessioni per lo svolgimento di operazioni portuali ed il conseguente obbligo, prima non esistente, per i concessionari di applicare il CCNL Porti e, in fase di subentro per nuova assegnazione, le clausole sociali a tutela dei lavoratori impiegati; il divieto assoluto di far accedere ai terminal mezzi pesanti in partenza da Messina, destinando quindi il traghettamento in partenza alle sole autovetture, ai pullman ed mezzi commerciali sotto le 35 tonnellate salvo che in occasione del blocco delle operazioni agli approdi di Tremestieri disposto dalla Autorità Marittima e dalla Autorità Portuale a seguito di insabbiamento ed escludendo quindi le deroghe attualmente disposte per un aumento dei tempi di attesa conseguenti a scelte operative dei vettori; l’obbligo per i vettori di comunicare in tempo reale tutti i dati sulla programmazione delle corse ed eventuali ritardi al fine di consentire una tempestiva e corretta informazione a tutti gli utenti. Quanto alla necessità di acquisire l’intesa con il Comune, ne prendiamo atto ma continuiamo a manifestare perplessità perché collegata ad una previsione del PRP che secondo noi fa riferimento a fattispecie differenti atteso che in questo caso non viene cambiata la destinazione d’uso delle aree e non ci sono nemmeno interventi edilizi significativi da attuare per la separazione dei terminal. Lo stesso Comune, d’altra parte, non pare abbia mai rivendicato questo ruolo anche perchè, viceversa, esprime regolarmente parere nell’ambito delle procedure demaniali relative anche a quelle aree ogni qualvolta un concessionario debba svolgere delle attività edilizie o di trasformazione del territorio. Non abbiamo comunque problema ad adeguarci alla interpretazione del CGARS anche se questo ora forse comporterà di dover verificare la necessità di procedere in autotutela all’annullamento di tutte le altre concessioni rilasciate su quelle aree negli ultimi anni per avviare nuovi procedimenti di assegnazione. Il punto delle sentenze più significativo, comunque, resta quello del definitivo chiarimento circa il ruolo che la legge vigente assegna all’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare a cui compete di pronunciarsi, con pareri consultivi, “a monte” sugli atti di pianificazione e di programmazione del porto senza tuttavia avere competenza in ordine alle decisioni prese “a valle”. Questo giudicato spero ponga la parola fine ai tentativi proposti da alcuni operatori portuali, a volte come rappresentanti della propria categoria ed a volte a tutela dei propri interessi aziendali, di contrastare atti gestionali dell’Autorità Portuale rivendicando una competenza che la legge non assegna loro. Da ultimo il tentativo di bloccare la gara per i lavori di sistemazione delle aree esterne della ex fiera di Messina per non aver “potuto” intervenire su un mero atto gestionale compiuto dal Comitato di Gestione per l’aggiornamento del costo complessivo dell’intervento, lievitato a seguito della redazione del progetto esecutivo, degli adeguamenti richiesti a seguito dei pareri obbligatori degli Enti preposti e del maggior costo dei materiali dopo che già era stato consultato “a monte” in fase di aggiornamento del Piano Triennale delle Opere Pubbliche nello scorso mese di ottobre. Conclusivamente, oltre che ringraziare tutti i miei collaboratori e lo staff legale che ci hanno supportato in questo complesso ma sostanzialmente corretto procedimento, dispiace solo di aver perso quasi due anni con un impegno di risorse economiche e di energie che potevano ben essere indirizzate verso impieghi più utili alla comunità portuale ed ai cittadini di Messina”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rada San Francesco "spacchettata", il Cga decide: approdi da riassegnare
MessinaToday è in caricamento