Concorso autisti Atm, i sindacati: "Chiedere il domicilio a Messina è un nonsense, si corregga il bando"

Cgil, Cisl, Uil, Cisal, Ugl e Orsa tornano sulle procedure concorsuali per l'assunzione di nuovi conducenti. Dito puntato contro il requisito della domiciliazione. In allarme anche per l'attuale carenza di organico

C'è unità sindacale sul fronte del concorso che Atm ha bandito per reclutare nuovi autisti. Filt Cgil FiT Cisl,  Uil Trasporti Faisa Cisal, Ugl e Or.sa, hanno infatti indirizzato una nota ai vertici dell'azienda di trasporto e all'amministrazione comunale evidenziando criticità alla selezione che presto porterà altri conducenti sui bus messinesi.

In particolare, le sei sigle evidenziano che nel bando di concorso, a fronte di quasi 1400 candidature, siano riscontrabili casi di mancanza dei requisiti richiesti. I sindacati fanno  riferimento al requisito preferenziale del domicilio, che non trova riscontro  in analoghe selezioni e penalizza di fatto i candidati territoriali che in altre città sono ampiamente garantiti dal requisito preferenziale della residenza e/o della lunga domiciliazione.


"La presenza di numerose candidature, stimolate dalla possibilità di accedere a un requisito preferenziale attraverso una semplice autocertificazione di domicilio 'd’occasione' - continuano i sindacati - oltre a limitare in modo considerevole l’opportunità di occupazione per i candidati che vivono stabilmente a Messina, altera anche il regolare svolgimento delle selezioni, prevedendo il bando ulteriori prove scritte solo nel caso in cui fossero superate le 250 candidature .

I sindacati ritengono pertanto che Atm Spa  debba individuare  risorse e strumenti idonei al controllo preventivo dei requisiti indicati nelle candidature concorsuali e soprattutto distinguere i candidati che vivono stabilmente a Messina da coloro che hanno prodotto l’autocertificazione strumentale dell’ultima ora. "Il punteggio aggiuntivo attribuito al semplice domicilio è un nonsense che svilisce la valenza della residenza. Il requisito in esame, così come esposto nel bando (residenza o domicilio) è nullo di fatto perché chiunque, per ottenere maggiori punti, ha potuto autocertificare domicilio a Messina un attimo prima di presentare la candidatura. Si tratta pertanto di una preferenza fittizia che in fase di selezione non servirà a individuare i candidati che realmente vivono in città, conoscono la viabilità e le strade e sono immediatamente utilizzabili in pronto impiego. Per sanare l’evidente contradictio in terminis presente nel bando, il fronte sindacale nel mettere in mora l’azienda , chiede all’Atm Spa di specificare che il requisito preferenziale del domicilio è attribuibile unicamente ai candidati che possono dimostrare un congruo periodo di domiciliazione nella città di Messina all’atto della presentazione della domanda.
Si chiede inoltre, a tutela della legittimità delle selezioni e di tutti i candidati , che Atm Spa provveda alla verifica preventiva dei requisiti indicati nelle domande di partecipazione pervenute".

I sindacati tornano anche sull’attuale situazione del trasporto pubblico locale in questa fase epidemiologica. "Constatiamo ,  nonostante la limitazione del Tpl per le normative  in atto, che persistano eccessivi turni di straordinario nell’esercizio gommato e con  la recente riapertura delle scuole si presenterà, giocoforza, l’esigenza di un aumento delle corse e di un numero maggiore di autisti. L’insufficienza di autisti in organico si conferma infatti con le recenti dichiarazioni del Presidente Campagna che, nonostante la sospensione dei concorsi per il divieto di assembramento imposto dal Governo, ha annunciato l’intenzione di chiedere una deroga per consentire le selezioni concorsuali in tempi brevi. Vista la conclamata esigenza di conducenti e ritenendo improbabile che in fase di emergenza sanitaria mondiale il Governo italiano si adoperi tra le proprie priorità  per decidere sulle assunzioni in Atm SpA, si ritiene più realistico riprendere i contenuti del verbale sottoscritto a Palazzo Zanca il 24 luglio , ove l’amministrazione comunale, la dirigenza aziendale e tutte le Organizzazioni Sindacali avevano concordato i modi e i tempi per dotare, temporaneamente, l’azienda di nuovi autisti in presenza della prevista seconda ondata di contagi, alla stregua di quanto già fatto per tempo in altre realtà siciliane".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Scuole e coronavirus, Comune attacca ancora l'Asp: proroga della chiusura non improbabile

Torna su
MessinaToday è in caricamento