rotate-mobile
Mercoledì, 26 Giugno 2024
Cronaca

Concorso forestali, un candidato escluso riammesso dal Tar e spunta il giallo della domanda annullata

Uno dei concorrenti risultato non idoneo potrà andare avanti nella selezione. Guardando il suo compito si è accorto che il quesito 50 è stato eliminato dalla commissione e che dunque il punteggio massimo diventerebbe di 29,5, anche se in base a una graduatoria - ufficiosa - il figlio dell'ex capo del Corpo avrebbe ottenuto comunque 30 punti

Un primo candidato risultato non idoneo ed escluso dal concorso per la selezione di 46 agenti forestali è stato riammesso in via cautelare dal Tar. La decisione della quinta sezione del tribunale amministrativo, presieduta da Stefano Tenca, è stata emessa oggi. E apre altre ombre sulla prova. Emerge infatti che una delle domande, la 50, è stata annullata dalla commissione esaminatrice, facendo dunque scendere il punteggio massimo ottenibile a 29,5 punti, come ha fatto dunque il primo classificato - secondo una graduatoria tuttora ufficiosa - Alessio Maria Salerno, figlio dell'ex capo della Forestale, Giovanni Salerno, a ottenere 30 punti?

I giudici hanno accolto il ricorso di un candidato, difeso dall'avvocato Gabriele Licata, che ha scoperto, consultando il suo profilo personale, di aver ottenuto un punteggio di 20,901 e di essere dunque fuori davvero per un pelo, essendo stata fissata la soglia minima a 21 punti. Guardando il suo compito, però, il giovane ha anche scoperto che una delle domande era stata annullata e che dunque anche quella soglia doveva essere abbassata di mezzo punto, a 20,5. Cosa che lo farebbe rientrare tra gli idonei.

Il Tar ha fissato per il 12 dicembre la trattazione della questione nel merito, ma ritenuto che "il lasso temporale che intercorre tra la data odierna e la data della prima camera di consiglio utile potrebbe compromettere seriamente l'aspettativa del ricorrente a proseguire nella selezione in corso" ha deciso di accogliere "la domanda di misure cautelari monocratiche e per l'effetto riammette il ricorrente con riserva al concorso".

La cosa paradossale è che tra gli atti impugnati dal candidato c'è anche la graduatoria, ma quella ufficiosa, al centro delle polemiche già da diversi giorni. Il documento ufficiale infatti formalmente non esiste e potrà essere stilato soltanto dopo che i candidati idonei avranno comunicato i titoli di preferenza e precedenza: il termine ultimo per l'invio è stato fissato per il 13 novembre. Quindi - come chiariscono anche dagli uffici della Regione - prima di allora non ci sarà alcuna graduatoria.

E proprio sulla graduatoria ufficiosa, qualche giorno fa, si è espressa anche l'assessore regionale al Territorio e all'ambiente, Elena Pagana: "Ho dato disposizione di verificare immediatamente come si è arrivati alla divulgazione ed accertare eventuali responsabilità, a tutti i livelli, considerata anche la massima riservatezza dell'elenco che contiene dati personali dei partecipanti. Ho inoltre chiesto, una volta chiarite le circostanze della pubblicazione, di prendere adeguati provvedimenti segnalando, se necessario, eventuali responsabilità all’autorità giudiziaria. Non è normale vanificare il lavoro di questi anni per un concorso atteso da troppo tempo" e "qualora emergessero irregolarità, il governo regionale assumerà ogni iniziativa a tutela di tutti i partecipanti".

La vicenda è diventata un caso politico. I 5 Stelle, in particolare il capogruppo all'Ars, Antonio De Luca, e il referente regionale, Nuccio Di Paola, hanno affermato che "sul recente concorso per agenti del Corpo forestale ci sono alcune cose da chiarire, va spazzato ogni dubbio sulla regolarità delle prove, ne va dell'immagine della Sicilia e della fiducia dei giovani nella pubblica amministrazione. Per questo chiederemo un'audizione urgentissima in quarta commissione dell'Ars alla presenza dell'assessore all'Ambiente e dei dirigenti del Corpo forestale".

Anche il segretario del Pd, Anthony Barbagallo prende posizione: "Il concorso va annullato con effetto immediato. Bisogna invalidare la prova e nominare una nuova commissione d’esame, composta stavolta da membri al di sopra anche del semplice sospetto. Non è possibile proseguire oltre".

Fonte: PalermoToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorso forestali, un candidato escluso riammesso dal Tar e spunta il giallo della domanda annullata

MessinaToday è in caricamento