Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Consorzio autostrade, incentivi indebiti: i dirigenti Sceusa e Frisone dovranno restituire un milione e 115 mila euro

La posizione dei due dirigenti è stata valutata separatamente dalla Corte dei Conti, nonostante il procedimento penale ancora in corso, in funzione della loro qualifica

Un milione di euro e 115 mila euro. Sono le somme che dovranno restituire rispettivamente Gaspare Sceusa e Letterio Frisone al Consorzio autostrade siciliane.

Lo ha deciso la Corte dei Conti che ha condannato i due dirigenti del Consorzio (Frisone è in pensione e Sceusa ancora in servizio) per gli incentivi progettuali percepiti dal 2012  nonostante il contratto dei dirigenti preveda l’omncomprensività.

La questione incentivi è oggetto di un processo ancora pendente che riguarda 52 dipendenti. La prossima udienza al tribunale di Messina si svolgerà il prossimo 9 luglio.

La posizione di Sceusa e Frisone è stata valutata separatamente dalla Corte dei Conti, nonostante il procedimento penale ancora in corso, proprio in funzione della loro qualifica dirigenziale. Al processo risulta costituito parte civile il Consorzio autostrade.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio autostrade, incentivi indebiti: i dirigenti Sceusa e Frisone dovranno restituire un milione e 115 mila euro

MessinaToday è in caricamento