Cronaca

Conferimento dottorato Honoris Causa al Premio Nobel per la Chimica Jean-Marie Lehn

La cerimonia si svolgerà, alle ore 11 di lunedì 10 luglio, presso l’Auditorium “Vittorio Ricevuto” del Polo scientifico di Papardo

Il prof. Jean-Marie Lehn, Premio Nobel per la Chimica, sarà insignito del Dottorato Honoris Causa in Scienze Chimiche, in riconoscimento degli alti contributi scientifici forniti dalla ricerca del prof. Lehn alla nascita e allo sviluppo di tematiche all’avanguardia della Chimica e delle Scienze in generale. La cerimonia per il conferimento del dottorato Honoris Causa si svolgerà, alle ore 11 di lunedì 10 luglio, presso l’Auditorium “Vittorio Ricevuto” del Polo scientifico di Papardo. La Laudatio sarà affidata al prof. Sebastiano Campagna, direttore del Dipartimento di Scienze chimiche, biologiche, farmaceutiche e ambientali. Il prof. Lehn terrà una Lectio doctoralis su “Steps Towards Life: Chemistry!”.

Docente della Università di Strasburgo e onorario del College de France di Parigi, Lehn è uno dei ricercatori internazionali più influenti degli ultimi 40 anni. Le ricerche per le quali ha ottenuto il Nobel in Chimica nel 1987 – Lehn è stato anche uno dei più giovani “Nobelaureate” degli ultimi tempi, avendo all’epoca circa 45 anni – hanno anche contribuito a fondare una nuova disciplina, la “Chimica Supramolecolare”, definita studiando le basi chimiche del riconoscimento molecolare. La Chimica Supramolecolare ha valicato i confini tra varie discipline, sia all’interno della chimica che tra la chimica e la biologia, la medicina e le atre scienze, e nel tempo ha innervato molte aree scientifiche multidisciplinari, alcune in qualche maniera derivate dalla Chimica Supramolecolare, quali la scienza dei materiali, la fotochimica supramolecolare e le nano- e bio-tecnologie.

Il conferimento del Premio Nobel è stato, però, solo l’inizio della impressionante attività di ricerca del prof. Lehn, che ha successivamente sviluppato la chimica dei processi auto-organizzati, basati sul concetto della progettazione di specie chimiche “programmate”, capaci di permettere l’auto-assemblaggio di componenti selezionati per formare ben definite specie supramolecolari, sotto la guida fornita dall’elaborazione dell’informazione molecolare.

Più recentemente, lo studio dello scienziato Lehn ha permesso la definizione di un ulteriore campo della ricerca chimica, quello della chimica dei sistemi complessi e della “chimica dinamica costituzionale”, in cui le proprietà dinamiche e di selezione di sistemi supramolecolari sintetici, accoppiati a processi di organizzazione reversibili controllabili da stimoli esterni, hanno portato all’emergere della “Adaptive Chemistry”, con notevoli risvolti per quel che riguarda lo sviluppo di sistemi complessi e tematiche connesse all’evoluzione.

L’Università di Messina ha il grande piacere di conferire uno dei suoi più alti riconoscimenti scientifici ad una insigne personalità scientifica di altissimo rilievo quale il prof. Lehn, anche in virtù delle collaborazioni che si sono avute nel tempo tra il Prof. Lehn e la ricerca chimica dell’Ateneo di Messina.

Lehn, il giorno dopo la cerimonia del Dottorato, rimarrà ospite del Dipartimento di Scienze Chimiche, Biologiche, Farmaceutiche ed Ambientali dell’Università, dove terrà una conferenza scientifica dal titolo: “Perspectives in chemistry: from supramolecular chemistry towards adaptive chemistry”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conferimento dottorato Honoris Causa al Premio Nobel per la Chimica Jean-Marie Lehn
MessinaToday è in caricamento