Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Più ormeggi e un nuovo terminal per i mezzi veloci, consegnato lo studio di fattibilità per il porto di Villa

Il piano da circa 70milioni di euro interessa particolarmente i pendolari messinesi e calabresi, l'Autorità portuale fa il punto

Si è concluso in questi giorni un altro step molto importante nelle attività che l’Autorità di Sistema portuale dello Stretto sta sviluppando da circa due anni per rendere più efficiente e accogliente il porto di Villa San Giovanni nella gestione del traffico dei passeggeri che si muovono a piedi per attraversare lo Stretto di Messina.

Le società di ingegneria incaricate di elaborare la progettazione del nuovo Terminal Passeggeri, della sistemazione delle aree esterne e del potenziamento delle banchine portuali per consentire l’ormeggio contemporaneo e in sicurezza di quattro mezzi veloci contemporaneamente hanno infatti consegnato gli studi a livello di fattibilità tecnico-economica. Il progetto in questione si inserisce in un più ampio intervento di sviluppo e potenziamento del polo intermodale di Villa San Giovanni, operato in sinergia tra RFI e l’Autorità Portuale, e infatti si lega direttamente al progetto di riqualificazione e rifunzionalizzazione della Stazione Ferroviaria che renderà anche l’impianto ferroviario più accogliente per i passeggeri. L’intervento di competenza della AdSP si occupa in particolare di dare una nuova sistemazione delle aree esterne dei nuovi moli, di costruire un nuovo edificio con funzione di Terminal Passeggeri e di realizzare delle pensiline utili a proteggere i flussi pedonali tra la Stazione Ferroviaria, detto nuovo Terminal Passeggeri e le adiacenti aree di imbarco dei traghetti di Caronte&Tourist e di Bluferries.

Il nuovo lay-out dei moli, su cui ricade la nuova stazione marittima, è stato progettato in ampliamento dell’attuale banchina denominata “scivolo 0” ed assicurerà la disponibilità di due darsene per l’ormeggio in sicurezza e in qualsiasi condizione meteomarina consentendo di abbandonare l’attuale unico ormeggio operativo, realizzato all’interno di una invasatura già
utilizzata dalle navi ferroviarie, che tante criticità pone ai passeggeri soprattutto con mobilità ridotta. Il nuovo Terminal Passeggeri, nel progetto assume un ruolo di fondamentale importanza. Al suo interno trovano posto le varie funzione a servizio dell’utenza che traghetta da e verso Messina. L’edificio si pone come elemento terminale del nuovo progetto e in forte dialogo e continuità con gli interventi che RFI realizzerà sulla Stazione FS di Villa San Giovanni. L’edificio si svilupperà su un livello fuori terra e tale volumetria divide le funzioni al suo interno creando due livelli separati tra funzioni pubbliche (biglietterie, servizi igienici, bar, shop, e locali tecnici) a piano terra e quelle di servizio per l’Autorità Portuale, le Istituzioni e gli Operatori che potranno aprire degli uffici operativi. I nuovi ambienti aperti al pubblico, come l’atrio e il bar, sono pensati come un grande ambiente affacciato sullo Stretto di Messina, mentre i front-office delle biglietterie sono posti sul lato interno verso la città. Pensati come spazi flessibili, con possibilità di future rimodulazioni funzionali, delimitano lo spazio planimetrico e volumetrico dando maggiore forza al doppio volume dell’atrio interno.

Nei prossimi giorni il progetto complessivo, per la modifica del layout della banchina e per il nuovo Terminal passeggeri, saranno oggetto di una apposita conferenza di servizi che consentirà di acquisire tutti i pareri necessari per avviare la successiva fase di gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione delle opere. Il costo stimato delle opere così progettate si aggira sui 70 milioni di euro con fondi che attualmente sono disponibili solo in parte e che ci si augura, per l’importanza strategia dell’intervento, di poter individuare velocemente così da non bloccare l’avvio delle gare.

Stazione marittima 1_PFTE agosto 2023 villa san giovanni-2

Il presidente dell'Autorità portuale Mario Mega: “Il miglioramento delle condizioni dei passeggeri che traghettano a piedi sullo Stretto di Messina nella tratta Messina-Villa San Giovanni, per lo più pendolari o viaggiatori dei treni, era uno dei pilastri della nostra azione amministrativa ed ha impegnato molte risorse per trovare una soluzione che mettesse insieme sia le esigenze operative dei nuovi e dei futuri traffici portuali che le aspettative della città di Villa San Giovanni. Ora finalmente disponiamo di un progetto di fattibilità tecnico-economica molto dettagliato, sia per la parte delle modifiche necessarie alle banchine per il potenziamento degli ormeggi dei mezzi veloci sia per il nuovo Terminal passeggeri, che consente di avere anche il quadro complessivo delle risorse economiche necessarie. Un altro elemento che avevamo privilegiato era la piena integrazione con la Stazione ferroviaria e questo è stato reso possibile da una piena sinergia attivata con RFI, anche dal punto di vista progettuale, che consentirà di realizzare a Villa San Giovanni un hub intermodale ferroviario-marittimo tra i più efficienti in Italia e in cui i passeggeri potranno muoversi sempre in condizioni di sicurezza e nel massimo comfort.”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più ormeggi e un nuovo terminal per i mezzi veloci, consegnato lo studio di fattibilità per il porto di Villa
MessinaToday è in caricamento