Controesodo, l'amministrazione replica alla Uiltrasporti: "Fa cattiva politica sulla pelle dei cittadini"

Dura nota contro il sindacato del vicesindaco Previti e degli assessori Mondello e Musolino sui disservizi nelle strade per il passaggio sullo Stretto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

Per il controesodo estate 2020, tutti gli incroci sono presidiati ed il piano operativo viario controesodo è attivo.
Come sempre la UIL Trasporti Messina – evidenziano il Vicesindaco Previti e gli Assessori Musolino e Mondello – non perde occasione per fare opera di sciacallaggio, evidentemente convinta che la strumentalizzazione di ogni evento contro l’Amministrazione costituisca esercizio di attività sindacale quando invece è solo l’espressione di una patetica polemica fine a sè stessa e la dimostrazione della mancata conoscenza dei fatti. Ed infatti, rammentiamo che il 27 luglio 2020 si è tenuto il Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza nel quale si è discusso proprio delle criticità dell’esodo e del controesodo.

Al Comitato, presieduto dal Prefetto con la Partecipazione delle Forze dell’Ordine ed al quale hanno preso parte il Comune di Messina, la Polizia Municipale, la Polizia Metropolitana, la Polizia Stradale, i Vigili del Fuoco, il Cas, la Polizia Stradale ed il 118, sono state affrontate le criticità di questo esodo e controesodo 2020, che possono essere sintetizzate nei seguenti punti:
⁃ i numerosi cantieri presenti nella A18 e nella A19, che causano rallentamenti e incolonnamenti;
⁃ la maggiore difficoltà ad individuare con precisione i giorni da bollino rosso a causa del fatto che la stagione turistica è partita con ritardo a causa del Covid e dunque si versa in una situazione di eccezionalità;
⁃ la impossibilità di stoccare e compartimentare i flussi del traffico prima di farli arrivare in città a causa della assenza di idonee aree di stoccaggio nel tratto autostradale;
⁃ La necessità di dirottare tutto il traffico veicolare sugli imbarcaderi del centro stante il protocollo già attivo con il Comune di Villa San Giovanni.

A fronte di queste criticità strutturali, alcune delle quali proprie di questa stagione 2020 (Covid e lavori autostradali sul viadotto ritiro, chiusura svincolo di Giostra al traffico in arrivo da Catania e diretto in città), il Comune ha attuato il piano viabile dell’esodo e controesodo, che prevede il progressivo impegno degli assi stradali di via Vittorio Emanuele e della via Garibaldi (impegnando entrambe le corsie di marcia con direzione sud/nord) in modo da veicolare il più velocemente possibile il flusso di macchine verso gli imbarcaderi e ha inoltrato in data odierna richiesta al Cas per la riapertura immediata ed urgente fino alle ore 24 di domenica 23 agosto dello svincolo di Giostra per le vetture in uscita a Messina. Pertanto, a dispetto delle strumentali letture che la UIL Trasporti Messina intende fornire sul caso, la verità è ben diversa: il piano di esodo e controesodo è regolarmente attivo, gli incroci via Garibaldi, viale della Libertà e viale Giostra sono presidiati dalla Polizia Municipale che, sostituendosi agli impianti semaforici, “chiama” il traffico indirizzandolo verso il serpentone della Caronte che, a sua volta, sta facendo viaggiare 7 navi a ritmo continuo. Tale è l’impegno dispiegato in campo che si stima che tutto il traffico proveniente dalla autostrada e diretto agli imbarchi verrà smaltito entro le 17,30 (esattamente come l’anno scorso quando il piano viabile è stato attuato per la prima volta). Quanto poi alla congestione delle vie del centro parallele alla via Garibaldi, si è accertato che il fenomeno è dovuto alla scelta di alcuni automobilisti di affidarsi ai navigatori nella convinzione che avrebbero raggiunto gli imbarcaderi più velocemente utilizzando i c.d. “Percorsi alternativi”. Ma chi conosce Messina sa bene che una città che si estende in senso longitudinale con due arterie parallele che scorrono lungo la costa, non gode di fatto di alcuna viabilità alternativa. E questo non è colpa nè del Sindaco nè della Amministrazione comunale, mentre fingere di non sapere come stanno realmente le cose è non solo una grave colpa ma anche un grave esercizio di mala fede politica, perché la UIL Trasporti Messina questo fa:cattiva politica sulla pelle dei cittadini!
E dunque – sottolineano i componenti la Giunta De Luca – si respinge ogni accusa ed anche ogni insinuazione: la Polizia Municipale sta lavorando come è ormai sua abitudine, con professionalità e precisione per garantire che il contro esodo si concluda il più velocemente possibile. Il resto sono patetiche chiacchiere.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento