Aziende zootecniche di Caronia, liquami del bestiame finivano nel torrente: tre persone denunciate

Due coniugi ritenuti responsabili di violazioni in materia ambientale: i reflui sversati a Fosso Oscuro senza autorizzazione

Controlli serrati dei carabinieri di Caronia in due aziende zootecniche hanno portato alla denuncia di tre persone. In particolare i militari, insieme ai colleghi del “Nipaaf”, il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale dei Carabinieri di Catania hanno deferito alla Procura di Patti due coniugi, titolari dell’azienda, ritenuti responsabili di violazioni in materia ambientale poiché è stato accertato che all’interno dell’azienda i liquami del bestiame, provenienti da una stalla, erano raccolti in una vasca di decantazione ed i reflui erano sversati a mezzo di una conduttura nel vicino torrente Fosso Oscuro, senza alcuna autorizzazione.

Nelle pertinenze di altra un’azienda, in un terreno sottoposto a vincoli naturalistici, i carabinieri hanno riscontrato opere di movimento terra svolte in assenza delle necessarie autorizzazioni e pertanto hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria il proprietario per il reato di deterioramento dell’habitat all’interno di un sito protetto e deturpamento di bellezze naturali.

In entrambe le aziende sono state contestate violazioni amministrative con l’applicazione di sanzioni pecuniarie di oltre 1000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso a Messina ma non è il ceppo "cinese": "Nessun allarme"

  • Coronavirus, due cittadini di Lodi in tribunale: intervengono infermieri in tuta e mascherine

  • L’appello di una donna catanese: “Cerco una bimba ricoverata al Piemonte più di 50 anni fa, fu il mio angelo"

  • Coronavirus, ordinanza di chiusura scuole modificata: prorogato lo stop alle lezioni

  • Coronavirus, risoluzione anticipata del contratto per l'infermiere del video al Policlinico

  • Addio a Eliana Giorli, la staffetta partigiana che a Milazzo guidò le lotte comuniste accanto al marito

Torna su
MessinaToday è in caricamento