rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Il 17 febbraio il tavolo al Ministero sul futuro della Raffineria di Milazzo

Ad annunciare la convocazione, anche per i sindacati ed una rappresentanza di cittadini, è stata la sottosegretaria messinese Barbara Floridia: “Ambiente ed occupazione non sono cose inconciliabili con un percorso vero di riconversione o con i giusti investimenti”

La vertenza della Raffineria di Milazzo approderà sul tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico il 17 febbraio. È stato convocato, infatti, per quel gioco l’incontro che dovrà definire il futuro del sito industriale alla presenza della vice ministra Todde e del ministro Cingolani.

Ad annunciarlo è stata  la sottosegretaria messinese Barbara Floridia. «Ho voluto che la Raffineria avesse la possibilità di spiegare le difficoltà che manifesta d'avere in virtù del decreto ma dovrà essere un confronto franco e dire cosa ha fatto fino ad oggi. Occupazione e ambiente non sono cose inconciliabili se si intraprende un percorso vero di riconversione o se si fanno i giusti investimenti». 

Al tavolo ci saranno anche i sindacati e un rappresentante delle associazioni dei cittadini. «Ho voluto fortemente anche la presenza dei sindacati perché voglio che i lavoratori siano rappresentati e sappiano ciò che si dirà a quel tavolo perché sono quelli che rischiano di più. Ma ho voluto anche una rappresentanza dei cittadini del comprensorio, perché si sappia che il faro di quel tavolo sarà sempre la tutela della salute e dell'ambiente. La politica deve dare gli strumenti per risolvere i problemi realmente. Senza ingannare nessuno. Alla luce del sole. E con la sincera volontà di risolvere. Mettendo insieme tutto». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 17 febbraio il tavolo al Ministero sul futuro della Raffineria di Milazzo

MessinaToday è in caricamento