Corecom Sicilia, Gianpaolo Simone nominato nuovo dirigente responsabile

Prende il posto di Francesco Di Chiara al Comitato Regionale per le Comunicazioni. Gli auguri del presidente Maria Astone

Cambio al vertice del Corecom Sicilia. Il segretario generale della Regione Sicilia, Maria Mattarella, ha nominato Gianpaolo Simone nuovo dirigente responsabile del Comitato Regionale per le Comunicazioni, che assume l’incarico prendendo il posto di Francesco Di Chiara.

“Nel prendere atto del provvedimento, il Comitato ha ringraziato l’architetto Di Chiara per il costante impegno profuso in questi anni nello svolgimento del suo compito - dichiara la presidente del Corecom Sicilia, Maria Astone – Contemporaneamente abbiamo formulato al dottor Simone gli auguri per il nuovo e prestigioso incarico, auspicando una  proficua collaborazione e una sinergia tra il Comitato e la struttura amministrativa che avrà l'onore di coordinare nell'interesse del sistema delle comunicazioni in Sicilia e delle nuove sfide che, nell'attuale situazione di emergenza sanitaria, siamo chiamati ad affrontare”.

Il nuovo dirigente, agronomo con una particolare propensione al customer satisfaction derivante dagli studi in marketing, vanta esperienza anche come Responsabile della sede della Regione Sicilia a Bruxelles. Il suo ultimo incarico all’Ufficio legale della Presidenza della Regione, in qualità di responsabile unità di staff per il controllo di gestione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E’ morto il “principe” avvocato Francesco Marullo di Condojanni

  • Atm, dipendenti in malattia pedinati da un detective privato

  • È morto Dino Privitera, il mondo della cultura e dello spettacolo in lutto

  • Tensione alla Mazzini Gallo, genitori si fiondano dalla dirigente pretendendo il certificato medico di un bimbo

  • Trovato morto il sub disperso a Maregrosso, il cadavere recuperato dalla Capitaneria di Porto

  • Famiglia in isolamento da settimane per il padre positivo al Covid: "Lasceremo casa se i ritardi proseguiranno"

Torna su
MessinaToday è in caricamento