menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, in Sicilia 853 nuovi contagi: calano ancora i ricoveri, ma ci sono altri 26 morti di cui uno a Messina

Sono 8.135 tamponi processati, con un tasso di positività del 10,4%. Negli ospedali ci sono 23 pazienti in meno rispetto a ieri, ma con 16 nuovi ingressi nelle terapie intensive. A Messina e provincia 77 casi

Un Natale in pandemia. Mentre il Governo si augura che gli italiani rispettino le regole anti Covid anche durante questi tre giorni di festa il bollettino della Vigilia dice che la situazione in Sicilia resta stabile con un Rt tra i più bassi d'Italia (0,8). Sono 853 i nuovi casi riscontrati sull'Isola su 8.135 tamponi processati, con un tasso di positività del 10,4% (ieri era al 10%). Decresce - anche se lentamente - la curva delle vittime, che oggi sono 26. Ieri erano state 10, ma nelle scorse settimane si andava sempre sopra le 40. 

Scende ancora il numero dei posti letto occupati in ospedale: i ricoveri ordinari per Coronavirus sono ora 1.008 (-20), mentre le terapie intensive diventano 173 (-3) ma con 16 nuovi ingressi (ieri erano stati 6). In attesa del "Vaccine day", che a Palermo sarà all'ospedale Civico domenica 27 dicembre si registrano ben 1.061 guariti, per cui calano anche gli attuali positivi che sull'Isola sono 33.380.

Capitolo province. Catania resta sempre la più colpita, con 269 nuovi contagi registrati. Quindi segue Palermo con 228, Messina con 77, Siracusa con 87, Trapani con 66, Ragusa con 37, Agrigento con 33, Enna con 29 e Caltanissetta 27. 

A Messina si è registrato un decesso nelle ultime 24 ore. Si tratta di un uomo di 83 anni. Questo l'attuale quadro dei ricoveri: al Policlinico 51 (8 in rianimazione), al Papardo 32 (2 in rianimazione), Barcellona 15.

La situazione nel resto d'Italia

Risale l'indice Rt. L'Istituto Superiore di Sanità ha fatto sapere che il valore a 14 giorni "quello che come sappiamo è l'indicatore più stabile rispetto a quello a 7 giorni, è in quasi tutte le regioni inferiore a 1" anche se "abbiamo una leggera tendenza alla risalita, perché la scorsa settimana era a 0,86 questa settimana è a 0,90". Lo ha evidenziato Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), durante la conferenza stampa al ministero della Salute sull'analisi dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di regia.

La regione che in questo momento ha l'indice Rt più alto d'Italia è il Veneto (1,13). Segue il Molise, con un Rt di 1,07. Le due regioni si trovano sopra 1 sia con l'Rt medio a 14 giorni che con l'Rt puntuale, secondo il report dell'Istituto superiore di sanità e ministero della Salute. Tutte le altre regioni di trovano sotto questo 'spartiacque dell'epidemia', ma ci sono altre regioni vicinissime alla soglia critica di 1: Lazio 0,98; Lombardia 0,96; Puglia 0,97. Gli altri Rt sono: Marche 0,93; Trento 0,9; Liguria 0,88; Calabria 0,84; Sardegna 0,82; Friuli Venezia Giulia e Sicilia a 0,8; Umbria 0,78; Basilicata 0,77; Bolzano 0,76; Abruzzo 0,73; Toscana 0,71; Piemonte e Valle D'Aosta a 0,68; Campania 0,66.

Bollettino-10

Coronavirus: il bollettino di oggi 24 dicembre

Attualmente positivi: 593.632  (ieri 598.816)
Deceduti: 505 (ieri 553)
Dimessi/Guariti: 22.718 (ieri 20.494)
Ricoverati: -511 (ieri -465)
Ricoverati in Terapia Intensiva: -35 (ieri -63)
Tamponi: 193.777 (ieri 175.364)
Totale casi: 2.009.317 | +18.040 (ieri +14.522)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento