Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Coronavirus, in Sicilia trend costante con 73 nuovi contagiati e 95 guariti: a Messina 24 morti

Aumenta anche il numero dei pazienti ricoverati, +19 rispetto a ieri, che porta il totale a 627 i pazienti in ospedale. Al Policlinico deceduta una donna di 89 anni

Sono 73 (il 6%)  le nuove persone trovate positive al Coronavirus nell'Isola - su 1210 tamponi effettuati - nelle ultime 24 ore. Un trend costante ormai dai 4 giorni (+71; +73; +68 il dato dei giorni precedenti). Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 19.896, mentre il totale dei positivi dall'inizio dell'emergenza si avvicina a quota duemila: 1.932 per la precisione. 

Attualmente invece risultano sono ancora contagiate 1.726 persone (+62). Di questi sono ricoverati 627 pazienti (+19 rispetto a ieri), di cui 74 in terapia intensiva (+1), mentre 1.099 (+43) sono in isolamento domiciliare, 95 guariti (+1). Ancora molto alto il numero dei deceduti, che arriva fino a 111 deceduti: dieci in più rispetto a ieri e più del 5% sul totale. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi (sabato 4 aprile) così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. 

Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 99 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 82 (25, 4, 7); Catania, 506 (158, 21, 42); Enna, 266 (162, 1, 13); Messina, 306 (130, 14, 24); Palermo, 260 (77, 24, 12); Ragusa, 40 (6, 4, 3); Siracusa, 77 (44, 24, 6); Trapani, 90 (25, 1, 3).

A Messina 24 decessi, morta al Policlinico una donna di 89 anni

Salgono dunque a 24 i morti per Coronavirus a Messina. Il coordinamento per l'emergenza ha comunicato il decesso di una donna di 89 anni, con patologie pregresse, al Policlinico di Messina, per insufficienza cardiorespiratoria. La paziente, che era ospite alla casa di riposo San Martino, era risultata positiva al Covid-19. L'Azienda ha provveduto ad avvertire i familiari ed esprime loro la propria vicinanza. Il coordinamento per l'emergenza coronavirus nell'area metropolitana, inoltre, informa che sono complessivamente 24 i decessi di persone affette da coronavirus in città e provincia e 14 le guarigioni. Si precisa che i dati forniti sono stati registrati alle ore 11 di oggi.

_aggiornamento-coronavirus-4-4-2

Diecimila mascherine in Sicilia

E' stato effettuato ieri dalla polizia il trasporto urgente di 10 mila mascherine Ffp2 destinate al personale impiegato nell’emergenza sanitaria in Sicilia. Il trasporto è avvenuto su un aereo P180 della polizia dall’aeroporto di Ciampino a quello di Punta Raisi a Palermo, dove sono stati trasferiti a bordo di un elicottero AW 139 all’aeroporto Boccadifalco. Il trasporto, effettuato dagli uomini del I Reparto Volo della Polizia di Stato di Pratica di Mare e dai loro colleghi dell’omologo reparto palermitano, ha messo in poco tempo a disposizione del personale sanitario operante in Sicilia, i dispositivi di protezione individuale.

Pasqua e Pasquetta niente spesa e  scampagnate

Nuova ordinanza dalla Regione che ha confermato che le saracinesche dei supermercati dovranno restare abbassate fino a giorno 13 aprile nei giorni festivi. Dunque anche a Pasqua e Pasquetta. Incassando la sodisfazione dei sindacati. “La chiusura dei supermercati nel giorno di Pasquetta - affermano Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil - è una decisione saggia e un segnale di responsabilità. Ringraziamo il presidente Musumeci per avere accolto il nostro appello a nome di migliaia di lavoratrici e lavoratori del commercio”.

Anche la stagione balneare è compromessa

In Sicilia, almeno per ora, non partirà neanche la stagione balneare. L'avvio, previsto per legge il primo maggio, è stato sospeso a data da destinarsi. La decisione rientra tra le iniziative di contenimento del contagio da Coronavirus, adottate dall'assessorato alla Salute  Sono stati sospesi, per adesso, anche tutti i lavori di campionatura delle acque. Lo fa sapere la Regione attraverso una nota diramata nel primo pomeriggio. Intanto in Sicilia i gestori delle strutture balneari saranno esonerati per l'anno 2020 dal pagamento dei canoni delle concessioni demaniali marittime. Lo prevede una delle norme inserite nella nuova finanziaria d'emergenza che il governo Musumeci sta mettendo a punto. "Non sappiamo ancora - afferma l'assessore al Territorio Toto Cordaro - se la stagione risulterà completamente compromessa ma, in ogni caso, l'esonero dal pagamento dei canoni demaniali potrà contribuire ad agevolare la ripresa economica delle attività turistico-balneari".

Cordaro poi conclude: "Questo è un settore che, al pari di tantissimi altri, inevitabilmente subirà un forte contraccolpo da ciò che stiamo vivendo. Nessuno, comunque, sarà abbandonato e, se necessario, studieremo nuove e più importanti misure di sostegno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in Sicilia trend costante con 73 nuovi contagiati e 95 guariti: a Messina 24 morti

MessinaToday è in caricamento