menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: Ansa

Foto: Ansa

Coronavirus, 872 nuovi casi in Sicilia: 56enne muore al Policlinico

Il bollettino del 17 dicembre dopo 9353 tamponi analizzati. I guariti (1.332) sono più dei nuovi contagiati. Negli ospedali il numero dei posti letto occupati scende di 50 unità, tre in meno il saldo delle terapie intensive

Sono 872 i nuovi positivi al coronavirus, rilevati in Sicilia nelle ultime 24 ore. Questo il dato che emerge dal bollettino ministeriale aggiornato al 17 dicembre 2020 dopo l'analisi di 9353 tamponi. I nuovi decessi toccano invece quota 28, tra questi si registra la morte di un 56enne ricoverato al Policlinico di Messina.  Da contraltare ci sono ben 1.332 guariti, quindi ciò significa che sull'Isola diminuisce il numero delle persone che attualmente hanno il virus, che restano 34.688 (488 in meno di ieri).

Il numero dei ricoverati ordinari cala drasticamente passando dai 1.188 di ieri ai 1.131 di oggi (-50), mentre le terapie intensive da 183 a 179 con dieci nuovi ingressi giornalieri. Gli altri 33.378 sono in isolamento domiciliare. 

Oggi è Palermo la provincia col più alto numero di contagi, 286. Segue Catania (243), Messina (141), Ragusa (40), Trapani (29), Siracusa (49), Agrigento (31), Caltanissetta (23), Enna (30).

Questo, invece, l’attuale quadro dei ricoveri negli ospedali messinesi: Policlinico 58 (7 in rianimazione) Papardo 35 (1 rianimazione) Barcellona 15

Come sarà il lockdown di Natale 2020

Un nuovo Dpcm, zona rossa per otto giorni e pranzi con due congiunti: il governo Conte lavora a restrizioni per tutta Italia in vigore dal 24 al 27 dicembre e dal 31 al 3 gennaio. Possibile la zona arancione negli altri giorni. In discussione le deroghe e un possibile decreto legge. "Salvo", per ora, il prossimo week end (vai all'articolo).

La situazione nel resto d'Italia

Il contagio non si ferma: sono 18.236 i casi di Coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore contro i 17.572 di ieri. Resta drammaticamente alto il numero delle vittime: 683. La buona notizia del giorno è il calo dei ricoverati con sintomi, -470, e del saldo tra ingressi e uscite nelle terapie intensive (-71).

Resta il fatto che 18 mila contagi al giorno non fanno ben sperare visto che le vacanze di Natale sono alle porte. I virologi insistono da settimane sulla necessità di rispettare le misure di sicurezza e comportarsi con la massima cautela. Ma sono sempre di più i camici bianchi che ritengono quasi scontato un aumento dei nuovi casi da gennaio. Bisognerà capire anche quanto incideranno le misure che il governo si appresta a varare in queste ore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Parità di genere, musica e confronto in diretta streaming

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento