Cronaca San Marco D'Alunzio

Rsa e case di riposo, Villa Pacis diventa centro Covid ma ancora ritardi per vaccini agli anziani

Firmato il contratto di conversione per la struttura di San Marco d'Alunzio. Preoccupati i gestori delle strutture socio-sanitarie in attesa dei vaccini. In questi giorni l'Asp sta procedendo alle convocazioni di presa servizio delle centinaia di giovani medici che dovranno procedere con le somministrazioni

Firmato il contratto di conversione in struttura Covid della Rsa Villa pacis di San Marco d'Alunzio. Trentaquattro i posti letto disponibili per pazienti positivi anche con pochi sintormi. Un passo importante per servire l'ampio bacino dei Nebrodi che a tutt'oggi mancava di una struttura di questo tipo.

A Messina in città sono già state riconvertite la Cappellani e prima ancora la San Camillo, mentre tra le Rsa, l'Opus residential di via Palermo mantiene un'ala per i pazienti positivi.

Nell'area Nebrodi, Villa Pacis è la prima. Tutto ciò prevederà un pronto adeguamento dal punto di vista dei requisiti igienico-sanitari (tipologia dei locali, misure di contenimento, ecc...).

Procede ancora a rilento la campagna vaccinale nelle case di riposo per la carenza di personale addetto alle somministrazioni. In questi giorni l'Asp sta procedendo alle convocazioni di presa servizio delle centinaia di giovani medici assunti per assolvere questo incarico tra gli anziani delle strutture socio-sanitarie. Comprensibile l'ansia dei gestori delle strutture, i quali, pur avendo trasmesso da tempo, gli elenchi dei operatori ed ospiti candidati alla vaccinazione, non hanno ancora ricevuto la visita delle equipe vaccinali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rsa e case di riposo, Villa Pacis diventa centro Covid ma ancora ritardi per vaccini agli anziani

MessinaToday è in caricamento