Coronavirus, in "lotta" contro il Covid festeggia 100 anni: prima guarigione al Policlinico

Una donna di Capizzi, già ospite della Casa di Riposo "Come d'Incanto", ha ricevuto in videochiamata dai familiari gli auguri per un secolo di vita. Dalla malattia la spunta una signora di 62 anni che resta ricoverata al nosocomio universitario

La centenaria ricoverata al Padiglione H del Policlinico durante i festeggiamenti

Cento anni da festeggiare seppur affetta da coronavirus. Ha compiuto un secolo di vita oggi una delle pazienti ricoverate al Covid Hospital del Policlinico affetta dalla patologia. Il personale del Padiglione H ha organizzato, usando i tablet donati da un'azienda e messi a disposizione dei pazienti, una videochiamata affinché la signora ricevesse gli auguri dai propri familiari. Il figlio, la nuora e i nipoti si sono virtualmente stretti attorno alla loro congiunta e hanno voluto ringraziare tutti gli operatori e l'Azienda per questa iniziativa e per l'assistenza prestata. È stato un momento di grande emozione anche per il personale del reparto. La degente, nativa di Capizzi, era una delle ospiti della Casa di Riposo "Come d'incanto" da dove domenica scorsa era stata trasferita in ospedale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La signora, a cui vanno gli auguri dell'Azienda - afferma il direttore generale del Policlinico Giuseppe Laganga - rappresenta il simbolo dei nostri sforzi per contrastare l'epidemia. Una battaglia in cui non intendiamo lasciare indietro nessuno, nella quale non vogliamo nemmeno prendere in considerazione ipotesi, come quella circolata nei giorni scorsi a livello nazionale, secondo cui dovremmo essere costretti a scegliere chi salvare e chi no. Il Policlinico di Messina, come tutto il sistema sanitario regionale, sta lavorando per farsi trovare costantemente pronto rispetto a un eventuale aumento di ricoveri. Statistiche e numeri, però, non devono farci dimenticare come dietro ogni dato ci sia una persona, la sua rete di affetti, la sua storia. La nostra risposta deve essere di carattere strutturale, ma anche improntata all'umanità e alla solidarietà". Sempre al Padiglione H, inoltre, si registra la prima guarigione da Covid-19 tra i pazienti finora ricoverati anche se non si può procedere alle dimissioni poiché la paziente, una donna di 62 anni, risulta affetta da altre patologie.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falcone a lutto, non ce l'ha fatta Luca Minato ferito dall'esplosione della bombola di gas

  • Onda anomala travolge barca, quattro pescatori finiscono in mare

  • Patti, bimba di nove anni cade dalla bicicletta e batte la testa: in elisoccorso al Policlinico

  • Il teatro messinese piange la morte di Donatella Venuti

  • Il lieto fine di Alessandro dopo l'incidente: "Pensavo di non poter più correre, ma ce l'ho fatta"

  • Incidente nella notte sulla Palermo-Messina, muore una 51enne: cinque i feriti

Torna su
MessinaToday è in caricamento