Martedì, 18 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Covid, attenzione puntata sulle varianti: "Si diffonde più velocemente tra i giovani”

La commissaria Furnari in conferenza stampa soddisfatta per il lavoro svolto, rassicura sull'attenzione della Regione che ha avviato indagini nei laboratori sulle varianti: “Messina ancora indenne, sui cluster è pronto il protocollo d'intesa con l'ufficio scolastico”

“Si dorme la notte, basta messaggi e segnalazioni”. E' il termometro del commissario per l'emergenza Covid Marzia Furnari per capire come tante criticità siano ormai al capolinea e la situazione a Messina e provincia sia ormai finalmente sotto controllo. “Di settimana in settimana i numeri sono migliorati - ha spiegato in conferenza stampa - rispetto a quando siamo stati costretti a chiedere la zona rossa. Ieri siamo scesi al 12 per cento”.

Non è un liberi tutti, chiarisce. Dobbiamo comunque stare molto attenti. L'allarme oggi è rappresentanto dalle varianti e i cluster scolastici perchè queste varianti colpiscono di più i soggetti giovani. “C'è un allarme anche da parte della Regione sulle indagini nei laboratori, per andare a verificare se la variante è arrivata anche da noi. Ancora sembra che Messina sia indenne”. 

Di recente  stato il "British Medical Journal" a mette in guardia sulla pericolosità delle varianti di Coronavirus per i più piccoli. In un articolo, pubblicato martedì online, viene messo in evidenza l'aumento dei contagi tra i bambini in Israele e in Italia. In particolare - come riporta BresciaToday - viene citato il caso di Corzano al centro, nei giorni scorsi, di un vero e proprio focolaio.

Nel testo, viene raccolto l'allarme lanciato dai pediatri di Israele dove è stato riscontrato "un forte aumento delle infezioni da Covid 19 tra i giovani, con oltre 50mila bambini e adolescenti risultati positivi nel mese di gennaio". Numero di gran lunga superiore a quello registrato nei mesi precedenti. Si pensi che a gennaio, a Israele, ha aperto la prima Unità speciale di terapia intensiva pediatrica Covid 19.

Secondo gli esperti, riferisce ancora il "British Medical Journal", l'aumento dei casi di Coronavirus nei bambini sarebbe da attribuire proprio all'emergere della variante inglese che si è diffusa più facilmente in quella fascia d'età.

Sui cluster scolastici è intanto puntata l'attenzione anche in città. “Noi abbiamo chiesto all'ufficio provinciale scolastico la firma di un protocollo per il contenimento dei contagi scolastici, dei cosiddetti cluster. Si tratta di un protocollo che prevede l'istituzione di tutte quelle regole che sono già di carattere nazionale. Stiamo aspettando la firma. E' chiaro che la sicurezza scolastica non dipende solo da aspetti governati dall'Asp o dal commissario covid, ma interessa anche altri fattori come la circolazione, la viabilità, gli autobus e tutto quello che si determina in modo collaterale alle scuole stesse”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Covid, attenzione puntata sulle varianti: "Si diffonde più velocemente tra i giovani”

MessinaToday è in caricamento