Morto a Cristo Re, la clinica relaziona al sindaco: "Ritardi nei tamponi e senza dispositivi di sicurezza"

Ieri il decesso di un anziano ricoverato insieme all'uomo trasferito per coronavirus al Policlinico. Si attendono i risultati di sei test. Carenza di mascherine e presidi sanitari

Regna la paura e l'incertezza all'interno della clinica Cristo Re dove potrebbe essersi sviluppato il terzo focolaio di coronavirus, dopo gli episodi della casa di cura di via primo settembre e del Neurolesi.

Una situazione sempre più allarmante anche dopo le parole del sindaco De Luca sulla crescita esponenziale del virus in città e la richiesta di alcuni deputati regionali di dichiarare Messina zona rossa.

A Cristo Re il personale sanitario è pronto ad inviare un'accurata relazione in cui si evidenziano carenze e ritardi con cui medici e infermieri sono costretti a gestire la situazione d'emergenza.

Ieri la morte sospetta di un paziente di 80 anni sottoposto a tampone insieme ad altri sei degenti, poiché entrati in contatto con il primo contagiato nella clinica, successivamente trasferito al Policlinico.

Trimarchi: “Situazione sotto controllo, chiesti sei tamponi”

La salma dell'anziano, deceduto in seguito a problemi respiratori,  è rimasta all'interno della clinica. Si attendono i risultati dei tamponi richiesti subito dopo aver accertato la positività del primo paziente.

A ciò si aggiunge la mancanza di presidi sanitari fondamentali per lavorare in sicurezza in una situazione sempre più delicata e rischiosa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

  • Milazzo, secondo giorno di ricerche di Aurelio Visalli: città sotto choc

  • Si tuffano in mare a Milazzo nonostante la burrasca, ragazzi in balìa delle onde: un disperso tra i soccorritori

  • Nonno positivo al Covid, tre alunni della "Catalfamo" in quarantena

  • Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

  • Milazzo, il mare restituisce il corpo di Aurelio Visalli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento