Cronaca

Caro Conte ti scrivo, l'avvocato Ciraolo al premier: “Decreti e contraddizioni, ma soprattutto pochi controlli”

Il segretario dell'Organismo congressuale forense segnala le difficoltà nello Stretto dopo le polemiche per il nuovo esodo: “A rischio le comunità di destinazione, finità l'emergeza ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità”

Decreti, contraddizioni ma soprattutto mancata inosservanza di tanti provvedimenti anche per i ritardi tra gli annunci e l'effettiva entrata in vigore. Situazioni che a Messina hanno causato più di un disguido secondo l'avvocato Vincenzo Ciraolo, segretario dell'Ocf, Organismo congressuale forense, che ha preso carta e penna per scrivere al “collega”, presidente consiglio dei ministri.

“Da cittadino e da avvocato, avverto forte l’esigenza di esternare il mio pensiero - scrive a Conte Ceraolo -  In questi ultimi 15 giorni ha emanato vari decreti, tutti caratterizzati da un fattore comune: sono stati preannunciati tutti in conferenza stampa, prima di essere sottoscritti e, di poi, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale - sancendone l’efficacia - a distanza di 24/48 ore. Mi permetto di osservare che: le generiche enunciazioni di principio sui media, hanno provocato confusione e incertezza sull’effettivo contenuto degli emanandi decreti, creando una comprensibile e disordinata aspettativa in tutta la cittadinanza, non sempre le suadenti enuciazioni di principio hanno trovato corrispondenza nella stesura definitiva, creando ancor più confusione”.

Ma non mancano altri appunti: “I suoi uffici sono stati inondati da richieste di chiarimento e integrazioni di un testo non ancora definitivo - segnala l'avvocato di Messina -  le versioni finali dei decreti, conseguentemente, spesso sono state incoerenti con le anticipazioni, con ciò creando maggiore confusione e incertezza; che il lasso di tempo trascorso tra le apparizioni in diretta TV o sui social e la pubblicazione degli annunciati decreti, ha consentito un imponente esodo di migliaia di persone da nord a sud, in maniera incontrollata.  Non discuto - precisa Ceraolo - il diritto di costoro di spostarsi (purchè in regime di sicurezza), ma contesto l’assoluta mancanza di previsione del fenomeno - a voler pensar bene - e la totale assenza di controlli che metterà a rischio le comunita di destinazione, con il concreto timore di vanificare tutti i sacrifici fatti da coloro che, fino ad oggi, hanno osservato scrupolosamente le restrizioni imposte dai DPCM e dalle ordinanze sindacali susseguitesi nell’arco di queste settimane. Adesso - conclude - è il momento di resistere per sconfiggere il nemico invisibile ma, caro Presidente del Consiglio, passata l’emergenza sono certo che avrà modo di fornire i dovuti chiarimenti su quanto accaduto certo che chi oggi ha responsabilità di governo, saprà assumersi le proprie responsabilità. In fiduciosa attesa”.    

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro Conte ti scrivo, l'avvocato Ciraolo al premier: “Decreti e contraddizioni, ma soprattutto pochi controlli”

MessinaToday è in caricamento