rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Santa Marina Salina

Coronavirus, controanalisi per due casi positivi alle Eolie: appello degli infermieri per le mascherine

Da Santa Marina Salina un ragazzo e un anziano attendono che i Centri di riferimento confermino i primi esami, richiesta urgentissima di dispositivi di protezione al ministero e all'assessorato regionale alla Salute. La Paglia interviene sull'anticipazione di notizie

I numeri dei contagiati in provincia di Messina restano bassi. Ieri il dato regionale confermava il numero 9 del giorno prima ma adesso anche dalle Isole Eolie arriva la segnalazione di due nuovi casi da Santa Marina Salina di un ragazzo e un anziano (il primo rientrato dal Nord Italia) che dopo il primo tampone positivo al coronavirus sono in attesa delle contronalisi. Vedremo dunque se sarà superata o meno la decina in giornata.

Intanto il coordinamento siciliano degli Ordini delle Professioni Infermieristiche ha scritto tra gli altri al ministero della Salute e all'assessorato regionale alla Salute per l'approvvigionamento urgentissimo del materiale di protezione. "Occorre, senza un attimo di indugio, evitare gli effetti devastanti che l’assenza di dotazioni di protezione adeguati finirebbe necessariamente per determinare.  Il quadro diventerebbe, senza alcun dubbio, da emergenziale a drammatico - scrivono - denunciamo quindi, ad ogni Autorità competente, l’assoluta mancanza di dispotivi di protezione e la conseguente certezza, ove tali dispositivi non vengano immediatamente forniti, che il rischio dei contagi subisca un’ulteriore, drammatica accelerazione. Tutto il personale sanitario deve essere dotato di mascherine chirurgiche, ffp2, ffp3 ed occhiali protettivi in tutti i setting sanitari in base alle relative necessità - si legge -  dobbiamo essere consapevoli che, non garantendo adeguati Dispositivi di Protezione individuale, assisteremo fatalmente all’ingravescenza dell’attuale, già altissima, condizione disastrosa". 

Il direttore dell'Asp Paolo La Paglia afferma: "Voglio premettere di essere fermamente convinto che la divulgazione di corretta informazione è strumento di vera democrazia ed è indispensabile nei casi di grave emergenza collettiva qual'è l'attuale; pertanto non smetterò mai di ringraziare tutti i giornalisti e gli organi di informazione che riportano dati utili a notiziare l'utenza e orientare corretti comportamenti della popolazione. Nello stesso tempo non posso non rilevare che l'anticipazione di notizie potrebbe nuocere al lavoro epidemiologico che con molta fatica sta facendo l'ASP di Messina; il divulgare la positività di un tampone in un territorio della nostra provincia senza prima averne accertato, da parte degli organi competenti, il contesto di riferimento e quindi le cause può produrre condizionamenti e anche panico nella popolazione, con conseguenti possibili comportamenti errati non più controllabili. Pertanto nel fare appello alla sensibilità e alla professionalità di tutti gli addetti all'informazione li invito a divulgare solo i dati ufficiali emanati ogni giorno dall'Assessorato Regionale per la Salute". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, controanalisi per due casi positivi alle Eolie: appello degli infermieri per le mascherine

MessinaToday è in caricamento