menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco De Luca con Marcello De Vincenzo

Il sindaco De Luca con Marcello De Vincenzo

Ristoratore conclude lo sciopero della fame, De Luca: "Se il governo mi autorizza aiuterò le imprese"

Il sindaco ha incontrato oggi il titolare de "L'Ingrediente" di via Garibaldi che da giorni aveva iniziato la clamorosa protesta perché sommerso dalle spese. Il primo cittadino attende da Roma il via libera per erogare fondi e per la "pace fiscale"

Il sindaco Cateno De Luca si è recato da Marcello De Vincenzo, il titolare del ristorante "L'ingrediente" di via Garibaldi chiuso da giorni come gli altri per l'emergenza covid. De Vincenzo ha iniziato da giorni lo sciopero della fame perché sommerso di spese e secondo quanto affermato non riusce a ottenere il prestito in banca da 25mila euro disposto dal governo nazionale per le lungaggini burocratiche e la forma societaria della sua azienda. De Vincenzo ha richiesto finanziamenti a fondo perduto per pagare l'affitto e far ripartire l'azienda. Il primo cittadino ha risposto segnalando le misure già messe in campo (family card, rimborsi delle bollette per le famiglie indigenti) dall'amministrazione comunale annunciando per le piccole e medie imprese con fondi comunali l'utilizzo di somme da stanziare agli imprenditori. De Luca ha precisato, i finanziamenti a disposizione sarebbero circa 10 milioni di euro, che occorre l'autorizzazione del governo nazionale attraverso una deroga.

"Il meccanismo che abbiamo introdotto per le famiglie lo vogliamo ribaltare anche al sistema economico - ha affermato De Luca - ma occorre che mi diano una deroga, come scompariranno i vari Marcello De Vincenzo di questo passo il Comune non potrà riscuotere i tributi perché non potrà pagare nessuno, dico al governo di autorizzare i Comuni che hanno i fondi e se lo possono permettere a poter aiutare gli imprenditori". De Luca ha ricordato di aver richiesto, sempre al governo Conte, la "Pace fiscale" con i contribuenti rimasti a secco con un versamento soltanto del 30% della cifra totale da pagare e anche a rate. . 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento