Coronavirus, anziano di Castel di Lucio quarta vittima in un mese: stop stazionamenti a Santo Stefano di Camastra

L'uomo di 84 anni era ricoverato da tre settimane in Rianimazione al Policlinico universitario ma non ce l'ha fatta. Nel comune delle ceramiche il sindaco emana un'ordinanza molto restrittiva

Il Policlinico universitario di Messina

Era ricoverato al reparto di Rianimazione del Policlinico universitario da tre settimane. Non ce l'ha fatta un uomo di 84 anni di Castel di Lucio giunto a Messina per l'aggravamento delle condizioni fisiche dovuto al coronavirus. Faceva parte dei positivi accertati a metà mese nel comune dei Nebrodi e che avevano portato l'amministrazione comunale a disporre provvedimenti di chiusura per scuole e municipio.

Castel di Lucio, 18 i positivi 

Intanto il sindaco di Santo Stefano di Camastra, Francesco Re, per la proroga sino al 31 gennaio 2021 dello stato di emergenza sul territorio nazionale ha ordinato il divieto di "stazionamento per  le tutte persone,  dalle ore 21:00 e fino alle ore 05:00 del giorno successivo esclusivamente nelle giornate di  sabato e domenica, nelle sotto indicate zone del centro abitato del Comune di Santo Stefano di Camastra: -  Via Nazionale in corrispondenza della Piazzetta Croce ed intersezione con la Via Umberto I; tutta la detta Via Umberto I dall’incrocio con la Via  Vittoria fino all’incrocio con il Corso Vittorio Emanuele II; tutta la Piazza Belvedere – Porta Messina; il tratto est del  Corso Vittorio Emanuele II in entrambi i lati fino all’incrocio con la Via Menotti; il tratto mediano del Corso Vittorio Emanuele II in corrispondenza con il Largo dei Mille comprese le intersezioni con le Vie G. Garibaldi – San Sebastiano – Brofferio e Leonida; tutto il Viale delle Palme; la Via Brofferio in corrispondenza dello slargo di interserzione con la Via Leonida; tutta la Piazza San Sebastiano comprese le intersezioni con le Vie San Sebastiano – Plebiscito – Concordia e Orfanelli; il tratto mediano della Via Vittoria in corrispondenza del civico n°61 e la retrostante piazzetta di intersezione tra le Vie Plebiscito – L. Sergio - Manzoni -  Garibaldi; l’estremità nord della Via Garibaldi con intersezione Vie Quartieri e L. Famularo (ex Via Palazzo); Via Convento nel tratto Liceo Artistico – Calvario (tutto lo slargo)". È, comunque, fatta salva la possibilità di solo attraversamento e di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e tutte le altre attività consentite dal D.P.C.M. e dell'Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana nonché alle abitazioni private, avendo cura in ogni caso di rispettare il distanziamento interpersonale di almeno un metro". La violazione comporterà una sanzione amministrativa da un minimo di 500 euro a un massimo di 2mila euro insieme alle sanzioni del codice penale. 
-    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

Torna su
MessinaToday è in caricamento