Coronavirus, col nuovo Dpcm si va verso un coprifuoco anticipato per evitare il lockdown

Il Dpcm dovrebbe ancora evitare il blocco totale. Le ipotesi per la Sicilia che ricade nello scenario 3 e ha due nuove zone rosse. Buone notizie per Galati mamertino, dove cala il numero dei positivi

Per il momento, secondo quanto emerso da un weekend di riunioni tra Governo, Regioni e Cts, sembre che il nuovo Dpcm di Giuseppe Conte e Roberto Speranza dovrebbe ancora evitare il lockdown totale ma anche quello territoriale. La Sicilia sarebbe così 'salva', benché, resti inquadrata nello scenario 3 con rischio definito “alto”. ieri il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha istituito due nuove zone rosse, Vittoria e Centuripe, mentre Galati Mamertino esce dalla zona rossa grazie al calo dei positivi.

Terapie intensive, l'allarme del sindaco De Luca: “Sistema sanitario al collasso”

Il nuovo arriverà tra lunedì 2 e martedì 3 novembre. E porterà con sé il coprifuoco nazionale - non è ancora chiaro se dalle 18 o dalle 21 - fino al 4 dicembre. Questa è l'ultima mediazione sul lockdown prossimo venturo tra il governo e le Regioni sulla stretta che il presidente del Consiglio intende illustrare già lunedì alla Camera. 

Il nuovo Dpcm di novembre e il coprifuoco alle 21 in tutta Italia

Il tutto accade mentre il bollettino della Protezione Civile riporta 29.907 nuovi casi e 208 morti mentre continua ad aumentare la pressione sulle terapie intensive. La riunione di domenica notte sul nuovo Dpcm anti Covid tra il premier e i capi di delegazione del governo è stata aggiornata a lunedì alle 8. Secondo le ultime indiscrezioni, in tutto il territorio nazionale, comprese le altre Regioni considerate a medio o basso rischio contagio, è previsto il coprifuoco alle 21 (in un primo momento si parlava delle 18). Bar e ristoranti saranno chiusi la domenica a pranzo; mentre i centri commerciali lo saranno sia il sabato che la domenica. Quanto alle chiusure aggiuntive, che eventualmente decideranno le Regioni, i rimborsi saranno a loro spese.

"Il Dpcm di domani andrà nella direzione del principio di proporzionalità e ragionevolezza che ha guidato le scelte fino ad ora, facendo leva su qualche misura come la limitazione agli spostamenti interregionali se non per ragioni indifferibili, di salute o di lavoro", ha detto il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ieri sera a Che Tempo Che fa. Quali? ''Stiamo ragionando su un meccanismo differenziato, rapportato ai rischi di contagio e soprattutto di saturazione del sistema sanitario'', ha detto domenica il ministro della Cultura Dario Franceschini anticipando anche lo stop ai musei. 

Quali sono le Regioni più a rischio? Sicilia nello scenario 3

Lombardia, Piemonte e Calabria, considerate dall'ultimo report settimanale dell'Iss Regioni a rischio alto con, rispettivamente, un indice Rt a 2,01 1,99 e 1,84, tanto da rientrare nel cosiddetto scenario 4; 

Poi ci sono le regioni a rischio moderato come Molise (Rt 2,01), Bolzano (Rt 1,92), Emilia Romagna (Rt 1,6) e Trento (Rt 1,56);

Inquadrate nello scenario 3 con rischio definito alto ci sarebbero poi Puglia (Rt 1,47), Sicilia (Rt 1,38) Toscana (Rt 1,19);

Rientrano nello stesso scenario ma con rischio considerato moderato: Friuli Venezia Giulia (Rt 1,47), Umbria (1,45) Lazio (1,43) Marche (1,35) e Campania (1,29);

Il governo sta lavorando no stop alla stesura definitiva del pacchetto. Per ora circolano solo indiscrezioni, con un unico punto fermo: fermale la curva il più possibile attraverso interventi più forti nelle regioni con maggiori contagi, prevedendo nel resto del Paese restrizioni più soft. Una strategia che scongiurerebbe per adesso un lockdown totale.

Il lockdown in Italia prossimo venturo

Secondo le ultime indiscrezioni il nuovo Dpcm di novembre le cui misure dovrebbero durare fino al 4 dicembre dovrebbe contenere un meccanismo automatico per i lockdown territoriali. Ovvero le Regioni e più in generale gli enti locali dovranno muoversi per dichiararlo nelle province o nelle aree metropolitane in cui l'indice Rt è superiore a 2 e gli ospedali sono in difficoltà oppure dove è pari a 1,5 e i nosocomi sono vicini al collasso. Nel Dpcm ci saranno anche misure che riguarderanno l'intero territorio nazionale, ovvero: 

- lo stop ai movimenti tra regioni;

- la chiusura dei musei, annunciata già ieri da Franceschini;

- la didattica a distanza per tutte le scuole superiori e forse anche per gli alunni della terza media;

- il possibile blocco totale di bar e ristoranti nelle zone più a rischio.

Musumeci: “Non è necessario ridurre ogni occasione di movimento”

Oggi intanto prosegue il dibattito sul testo del nuovo Dpcm con le Regioni. "E speriamo, stavolta sia davvero condiviso -  spiega il governatore siciliano Nello Musumeci - Vedo un crescente allarme sociale e di questo dobbiamo essere tutti consapevoli. Scelte forti ma non chiare diventano per i cittadini difficili da accettare. Non ci possiamo permettere errori".

"C'è una condivisione di fondo tra tutti i livelli amministrativi dello Stato - continua Musumeci -  la drammatica situazione che in tutta Europa sta condizionando la vita di milioni di persone. La nostra posizione è uniforme a quella di tutte le Regioni italiane. Due le priorità che poniamo: la riduzione della mobilità e l'adozione di piani terapeutici/farmacologici per l'assistenza al domicilio, limitando così la pressione sugli ospedali. Più cresce la mobilità delle persone più crescono le probabilità di contagio - ha aggiunto -. Per questo motivo stiamo valutando la possibilità, assieme alle altre Regioni ed al governo centrale, di ridurre ogni occasione di movimento non proprio necessario. Altra priorità resta la riduzione della pressione sui Pronto Soccorso ospedalieri dei positivi o di quelli che temono di esserlo. Serve quindi più collaborazione da parte della medicina di base affinché si intervenga nel domicilio di chi ne ha necessità", ha aggiunto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

Torna su
MessinaToday è in caricamento