Cronaca

Il passaporto per gli innamorati non s'ha da fare, Santelli al sindaco: “Decide il governo di don Rodrigo Conte”

La presidente della Regione Calabria risponde a De Luca sulla richiesta di un lasciapassare per i fidanzati impossibilitati a ricongiungersi ai propri partner fra le due sponde

Jole Santelli

Stasera si “incontreranno”  su rete 4 durante la trasmissione Dritto e rovescio e avranno modo di chiarire ma la risposta arrivata oggi al sindaco Cateno De Luca dalla presidente della regione Calabria non lascia molte speranze: questo passaporto per gli innamorati non s'ha da fare.

E' la stessa Jole Santelli che cita la contrastata storia d'amore di Renzo e Lucia nella sua risposta al sindaco che le ha chiesto di studiare una sorta di lasciapassare per i tanti innamorati residenti su entrambe le sponde dello Stretto, impossibilitati a ricongiungersi ai propri partner,  a seguito dell’ordinanza che vieta di spostarsi e trasferirsi nella Regione Calabria a tutti i non residenti.

“Caro sindaco De Luca - scrive la Santelli - accetto di buon grado il suo simbolico mazzolin di fiori e non posso che apprezzare il suo simpatico "bigliettino" di accompagnamento. È vero, oggi i fidanzati calabresi sono impossibilitati a raggiungere i propri compagni siciliani e viceversa. I loro amori contrastati non possono certo essere accostati alla storia di Renzo e Lucia, ma è fuor di dubbio che io e lei ci troviamo oggi nella scomoda e non richiesta posizione degli azzeccagarbugli obbligati a trovare soluzioni rapide e, soprattutto, legittime, a una situazione
senza precedenti. Ragion per cui - conclude la presidente della regione - pur ringraziandola per il gradito dono virtuale di cui ha voluto onorarmi e per l'originalità della sua proposta, devo ricordarle che l'eventuale istituzione del "passaporto degli innamorati" dipende esclusivamente dal governo guidato da Giuseppe don Rodrigo Conte”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il passaporto per gli innamorati non s'ha da fare, Santelli al sindaco: “Decide il governo di don Rodrigo Conte”

MessinaToday è in caricamento