Cronaca

Il primo maggio responsabile dei messinesi, strade vuote e niente multe

Ieri i droni del Comune hanno monitorato la città. In strada due squadre di vigili urbani e assessori. Nessun assembramento rilevato. Pochi cittadini fuori casa e tutti con una valida giustificazione

Anche il primo maggio ha visto Messina rispettare le regole in vigore da quasi due mesi per combattere il coronavirus. 

Ieri i droni di Palazzo Zanca hanno sorvolato in lungo e in largo la città, senza però rilevare infrazioni o movimenti anomali di persone e veicoli. 

Anche questa volta il vasto territorio comunale  è stato diviso in due zone,  sottoposte al controllo di due squadre.

La prima ha visto in campo  gli assessori Enzo Trimarchi, Pippo Scattareggia e Francesco Caminiti, coordinata dal commissario della polizia municipale Lo Presti. Sono stati eseguiti ha eseguito controlli nella zona Sud, sorvolando Briga Marina, Galati, Giampilieri, Santa Margherita, Zafferia e San Filippo.

Una seconda squadra, coordinata dall’Ispettore superiore Musumeci e dal maggiore Crisafulli, insieme agli assessori Dafne Musolino e Enzo Caruso, si è invece diretta a nord, sorvolando i villaggi costieri di Ortoliuzzo, Rodia, San Saba, Marmora, Torrente Tono e Capo Peloro.

Il bilancio di questa giornata di controlli è positivo. Non sono stati rilevati assembramento ed è stato registrato un modestissimo movimento di persone, tutte in possesso delle relative autocertificazioni.

Con la festività di ieri si chiude il periodo di controlli per straordinari di polizia muncipale e protezione civile in una intensa attività di monitoraggio del territorio e di assistenza alla popolazione.

"L’utilizzo dei droni -, si legge nel comunicato finale - si è rivelata una strategia vincente perché siamo riusciti a coniugare una grande efficacia deterrente che ha convinto la maggior parte delle persone a stare a casa e rispettare le restrizioni, con un potente strumento di controllo del territorio grazie al quale, quando sono stati rilevati comportamenti scorretti, si è potuto intervenire con una tempestività che non è semplice assicurare in una città come Messina le cui coste si estendono da sud a nord per oltre 56 kilometri". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il primo maggio responsabile dei messinesi, strade vuote e niente multe

MessinaToday è in caricamento