Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Via Giuseppe La Farina

Scuole superiori, già in quarantena le prime classi: "Senza distanziamento sarà un problema"

Studente positivo al Nautico Caio Duilio e altri già a casa prima dell'inizio delle lezioni dove la dirigente Maria Schirò commenta il da farsi. Casi anche al Seguenza, Verifiche di situazioni sospette in altri plessi. Per i test salivari scelte Torrenova, Boer-Verona Trento e Santa Margherita

"In molte classi non è possibile garantire il distanziamento che è solo raccomandato ma non più vincolante, credo che questo sarà un bel problema da affrontare in questa stagione scolastica": Maria Schirò, dirigente scolastico dell'Istituto Nautico Caio Duilio commenta così i casi positivi di coronavirus registrati al plesso di via La Farina. Una classe è stata posta in quarantena per la positività di un ragazzo, altri studenti risultano positivi ma erano già chiusi in casa per il contagio di parenti e non si sono presentati a scuola già dal primo giorno. "Noi facciamo e faremo tutto il possibile per prevenire i contagi - prosegue la Schirò - come tenere le finestre aperte, controllare l'uso della mascherina che è obbligatorio ma ritengo che non potremo fermare soltanto così i contagi". Classi in quarantena anche al liceo Seguenza e da fonti non ufficiali pare che dopo una settimana dall'inizio generale delle lezioni altri Istituti superiori stiano vagliando in queste ore casi al momento classificati come sospetti. Intanto in tutta la provincia sono state individuate le tre scuole "Sentinella" per i test salivari: sono la Boer-Verona Trento e l'Istituto Santa Margherita nel capoluogo e il plesso di Torrenova nella tirrenica. Pare che alla Boer si sia registrata dopo solo pochi giorni una bassa adesione dai genitori per gli screening. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole superiori, già in quarantena le prime classi: "Senza distanziamento sarà un problema"

MessinaToday è in caricamento