menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ministro Roberto Speranza

Il ministro Roberto Speranza

Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

L'Isola esce dalla fascia arancione, il provvedimento sarà in vigore dal 29 novembre. Lo ha comunicato il dicastero nel tardo pomeriggio di oggi. Il presidente Musumeci: “Ne prendiamo atto con soddisfazione, ma non è un liberi tutti”

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà una nuova ordinanza con cui si dispone l'area arancione per le Regioni Calabria, Lombardia e Piemonte e l'area gialla per le Regioni Liguria e Sicilia. L'ordinanza sarà in vigore dal 29 novembre". Lo comunica il dicastero.

Musumeci, Sicilia gialla? Soddisfatti ma non è un liberi tutti

«La Sicilia da domenica sarà gialla? Ne prendiamo atto con soddisfazione e continueremo a lavorare con lo stesso impegno messo in campo dall'inizio della pandemia. - ha dichiarato il presidente della Regione Nello Musumeci - Nelle prossime ore, insieme all'assessore alla Salute Ruggero Razza, incontrerò il Comitato tecnico scientifico per valutare le misure da adottare alla luce della nuova classificazione. Sia chiaro: non è un liberi tutti!».

area gialla, arancione, rossa_ le misure-2-2

Stamattina i governatori avevano fatto sapere che il ministro Speranza aveva detto che avrebbe atteso il 4 dicembre per cambiare le zone in Lombardia, Piemonte, Calabria e altre regioni. Speranza deve aver cambiato idea dopo i numeri positivi dell'ultimo bollettino.

La Sicilia rivede così la normalità. Hanno inciso i nuovi dati? Secondo quanto è emerso dall'ultimo bollettino del Ministero della Salute sono 1.566 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia a fronte di 10.635 tamponi processati. Si è abbassato dunque il tasso di positività: da 15,3% di ieri a 14,7%. E da segnalare anche il calo delle presenze di pazienti in terapia intensiva, passate dalle 253 del giorno prima alle 250 di oggi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento