Cronaca

Coronavirus, la Chiesa sospende anche le messe

La direttiva della Cei in accordo con il decreto del governo. "Stop a qualsiasi funzione religiosa"

Niente messe fino al 3 aprile. È il provvedimento drastico adottato dalla Cei per prevenire la diffusione del coronavirus. 

Una misura restrittiva adottata in accordo con il decreto del governo che ha di fatto vietato le cerimonie religiose su tutto il territorio nazionale.

Oltre a matrimoni e funerali lo stop riguarda anche le omelie che finora si erano tenute regolarmente seppur con diverse precauzioni. 

Il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri spiega la CEI - entrato in vigore quest’oggi, sospende a livello preventivo, fino a venerdì 3 aprile, sull’intero territorio nazionale le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri. L’interpretazione fornita dal Governo include rigorosamente le Sante Messe e le esequie tra le “cerimonie religiose”. Si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei Pastori, nei sacerdoti e nei fedeli. L’accoglienza del Decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la Chiesa sospende anche le messe

MessinaToday è in caricamento