Cronaca

Il capo della polizia ferma De Luca: "Vietato l'uso dei droni"

La decisione per tutelare privacy e sicurezza dei cittadini. Il primo cittadino era pronto ad utilizzarli per controllare il territorio durante l'emergenza coronavirus. Riscontrato utilizzo scorretto delle apparecchiature

Il capo della polizia Franco Gabrielli ha intimato l'alt all'utilizzo dei droni sul territorio nazionale, bloccando di fatto anche il sindaco Cateno De Luca pronto a sperimentare le apparecchiature per i controlli al territorio legati al coronavirus.

La decisione è stata comunicata dal dipartimento Pubblica Sicurezza del Viminale e deriva da problematiche di sicurezza, privacy e possibili interferenze con il traffico aereo. 

Ma lo stop di Gabrielli è arrivato per un utilizzo scorretto delle sofisticate apparecchiature da parte degli organi di polizia locale. Gli organi preposti svolgeranno ulteriori accertamenti prima di impostare un eventuale nuovo regolamento.

E proprio ieri il sindaco De Luca aveva testato il primo drone che dal prossimo 30 marzo sarebbe entrato in azione per controllare il territorio comunale, beccando eventuali trasgressori delle norme anti-coronavirus. 

Il primo cittadino aveva anche fatto registrare un avviso con la sua voce che recitava un eloquente avvertimento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il capo della polizia ferma De Luca: "Vietato l'uso dei droni"

MessinaToday è in caricamento