rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Il mondo della cultura a lutto, è morto Franz Riccobono: "Messina perde uno dei suoi figli migliori"

Il covid si porta via lo storico messinese protagonista e custode protagonista delle principali scoperte archeologiche cittadine e fondatore dell'associazione "Amici del Museo". L'appello del fumettista Lelio Bonaccorso: "Non disperdiamo l'immenso patrimonio che ha donato alla città"

Il mondo della cultura a lutto. Il covid si è portato via il professore Franz Riccobono, ormai da giorni ricoverato in terapia intensiva al Policlinico. Storico messinese e socio fondatore dell’associazione Amici del museo di Messina e protagonista delle principali scoperte archeologiche cittadine, il suo negozio era un punto di riiferimento per gli studiosi di storia locale.

Noto per i suoi studi ma anche per le sue prese di posizione fuori dal coro e spesso controcorrente, si è fatto amare dal grande pubblico anche per alcune fortunate trasmissioni televisive alla scoperta dei luoghi più significativi del messinese.

Nato a Patti nel 1943, nel 1970 si laurea in Economia e Commercio. Dal 1971 al 1997 è funzionario presso l'Università di Messina. Tra il 1975 ed il 2015 ha pubblicato oltre cinquanta monografie riguardanti la storia del territorio. Ha realizzato quindici tra Musei e Mostre permanenti, socio dell’Istituto Italiano dei Castelli, faceva parte del Comitato Vara di Messina, consulente della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella. Dal 1978 per la casa editrice Edas direttore della collana "Messina e la sua storia".

La notizia della sua morte è rimbalzata subito sui social e la bacheca facebook del professore si è riempita di messaggi di cordoglio. "Messina perde uno dei suoi figli migliori".

"La prematura scomparsa di Franz Riccobono - si legge in una nota del presidente della Regione nello Musumeci - mi addolora profondamente e costituisce una grave perdita anche per la città di Messina e per la cultura siciliana. Con Riccobono se ne va uno studioso, un ricercatore e un collezionista tenace, instancabile, appassionato e geloso custode delle proprie idee. Profondo conoscitore della propria città, della quale era inguaribilmente innamorato,  ha dedicato a Messina diverse pubblicazioni e centinaia di iniziative. Franz mi aveva contagiato l’amore per la Zona Falcata e la necessità del suo recupero. Era entusiasta del lavoro che in tal senso avevo avviato in questi anni col governo regionale. Ed ora che non è più tra di noi, riconsacriamo l’impegno a completare il lavoro iniziato, in omaggio alla sua memoria. Alla moglie va il cordoglio mio e del governo siciliano".

Appassionato il ricordo del fumettista Lelio Bonaccorso: "Ci ha lasciati un uomo eccezionale, un amico la cui scomparsa mi sconvolge e mi addolora non poco. Aspettavo solo il momento in cui Franz Riccobono riaprisse il suo negozio, uno spazio culturale meraviglioso, una dimensione parallela in cui potevi ascoltare racconti incredibili e vedere e toccare scorci di storia antica e recente. Messina perde un pezzo importantissimo, una persona che davvero amava questa città e che metteva la divulgazione culturale al centro della sua vita. Tante volte le sue consulenze sono state importanti ed essenziali, anche per i miei libri. Oggi vorrei solo che gli si intitolasse uno spazio, un museo, affinché tutto il materiale e la memoria storica che Franz custodiva possa essere fruibile a tutti. Lui ne sarebbe stato felice, perché quel patrimonio è davvero parte della nostra storia e non deve andare perduto. Faccio le condoglianze alla famiglia e auguro al mio caro amico Franz un buon viaggio. Spero davvero tu possa starci vicino perché abbiamo ancora bisogno del tuo supporto".

Bonaccorso lancia anche un appello per non disperdere l'immenso patrimonio librario e documentale raccolto in tanti anni di studi del professore.

"Con la morte di Franz Riccobono, Messina perde un pezzo importantissimo della sua memoria storica, il custode della magia di questa città", scrive il segretario generale della Cisl Messina, Antonino Alibrandi che, insieme a tutta la Cisl messinese, si unisce al cordoglio per la scomparsa dello storico. "Lo ricordiamo sempre con una passione immensa per la storia della nostra città, per il suo patrimonio artistico e soprattutto culturale. L’appello è quello a non dispendere quanto ha fatto Franz Riccobono per Messina.

articolo modificato alle 15.21 del 16 marzo 2022 // aggiunte reazioni Cisl

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mondo della cultura a lutto, è morto Franz Riccobono: "Messina perde uno dei suoi figli migliori"

MessinaToday è in caricamento