Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Cus Unime riapre i battenti, Micali: "Torniamo in sicurezza ma contiamo su tutti voi"

L'apertura del Polo il prossimo 25 maggio. Norme rigide per accedere a tutti gli impianti. Micali: "Una ripresa complicata tra paure e timori"

Nino Micali presidente Cus

Il Cus Unime è pronto a riaprire i battenti il prossimo 25 maggio. Il centro sportivo più grande della città si prepara ad accogliere  i suoi associati in nome della sicurezza  adeguandosi non solo alle misure stabilite dal Dpcm e dalla Regione, ma garantendo ulteriori provvedimenti appositamente pensati per mettere al “sicuro” tutti gli impianti sportivi. 

“Sarà una ripresa complicata- dichiara il presidente Cus Nino Micali- non sappiamo quale sarà la risposta degli associati perché ci sono ancora paure e timori, ma vogliamo ripartire dando un segnale positivo”. Da lunedì prossimo riprenderanno fitness, tennis, palestra, piscine, ginnastica artistica, allenamento individuale  per il calcio, l’equitazione è già attiva.

Ma quali saranno le regole in vigore  per la Cittadella? All’ingresso del Polo si prevedono dispenser con gel igienizzante  e misurazione della temperatura da parte della guardia. La temperatura verrà nuovamente misurata all’ingresso di ogni impianto, dove ci saranno altri dispencer.  Prevista inoltre  la misurazione della saturazione del sangue. Obbligo di mascherina  per gli utenti all’entrata e per lo spostamento tra un impianto e l’altro. Le mascherine non si utilizzeranno soltanto durante lo svolgimento delle attività, vietate soste nelle tribune e nella Cittadella. Gli sportivi inoltre  dovranno attenersi alla segnaletica pedonale pensata ad hoc per evitare incroci, assembramenti e mantenere la distanza di sicurezza. Mascherina e guanti per tutti gli operatori del Centro.

Per la palestra, ogni ora ingressi per un massimo di 30 persone  per l'utilizzo delle 70 postazioni disponibili, chi usa un attrezzo ha l’obbligo di sanificarlo dopo l’utilizzo, ad essere obbligato a sanificarlo anche l’utente successivo che si appresta ad utilizzarlo.  Nei prossimi giorni saranno resi noti linee guida , manuali di autocontrollo per ogni singolo impianto e si stanno preparando anche i Dvr (Documenti valutazione rischi) .

“Per quanto riguarda le attività libere- continua Micali- verrà tutto contingentato con prenotazioni che si potranno fare online o per telefono, le attività sportive invece saranno organizzate in piccoli gruppi già programmati. Abbiamo inoltre deciso di separare le attività aerobiche da quelle per il potenziamento fisico”.

Si è deciso di far ripartire tutte le attività per dare un segnale di ripresa netta soprattutto dopo un periodo di blocco totale che ha determinato perdite economiche importanti , persi i mesi nei quali si concentrava maggiormente l'attività sportiva. Il Polo sarà aperto dal lunedì al venerdì ore 9 -22, sabato dalle 9 alle 21 e domenica dalle 9 alle 13. Si sta valutando la possibilità di estendere l’orario di apertura dalle 7,30/8 del mattino fino alle 23 per consentire una maggiore fruizione dello spazio.

Con l’arrivo dell’estate si punterà soprattutto sulle attività di nuoto e piscine, come alternativa più sicura rispetto al mare in termini di ingressi, misure di sicurezza e norme igieniche. 

“Stiamo facendo di tutto garantire la fruizione sicura del Cus anche con evidenti sforzi economici- aggiunge Micali- ma la buona riuscita del nostro lavoro dipende soprattutto da chi fruisce, è necessaria la collaborazione di tutti. Il virus è ancora in circolazione ed è necessario rispettare le regole". Certo la paura non manca: “ Mi sento addosso una grossa responsabilità – conclude- non solo per gli associati ma soprattutto per i tecnici che saranno sempre esposti al  rischio, per questo la ripresa deve essere cauta e ognuno deve fare la sua parte".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cus Unime riapre i battenti, Micali: "Torniamo in sicurezza ma contiamo su tutti voi"

MessinaToday è in caricamento