Cronaca Taormina

Taormina, imbratta il murales dedicato a Carola Rackete e se ne vanta ma la Lega prende subito le distanze

Ha lasciato sbigottiti il gesto dell'avvocato Perdichizzi anche i responsabili del Carroccio in Sicilia. Cantarella e Francilia: “Ha agito a titolo personale, si può anche non condividere una posizione politica ma il partito non compie questi gesti”

Il murales prima e dopo

Ha preso una bomboletta spray e ha sfregiato il murales realizzato da Tvboy e dedicato alla capitana della Sea Watch Carola Rackete.

E' durato un giorno il graffito titolato “Santa Carola protettrice dei rifugiati” che ritraeva la capitana con in braccio un bimbo africano che indossava un giubbotto di salvataggio.

Autore del gesto un esponente della Lega di Taormina, l’avvocato Giuseppe Perdichizzi, che ha annerito il graffito oscurandone i volti e se ne è poi vantato lasciando un biglietto con la scritta “Noi stiamo con lo Stato italiano, con la Guardia di Finanza. Gli assassini in galera. Prima l’Italia e gli italiani. Grazie Matteo”, riportata anche sul suo profilo facebook con tanto di foto. Subito dopo un altro commento: “Bisogna indignarsi di fronte a chi santifica degli indagati per tentato omicidio strumentalizzando i rifugiati per fini di bassa politica” e le condivisioni degli articoli che riportano il gesto.

Che il murales realizzato autore da Tvboy, autore anche del bacio Di Maio-Salvini, non sia piaciuto agli estimatori della Lega si era capito subito. Tanti i commenti sui social di chi si è indignato soprattutto per la connotazione religiosa.

Tanti cattolici entusiasti di fronte a messaggi antiumani e anticristiani, che negano alla radice la comune origine degli uomini e la loro fratellanza, hanno trovato blasfema l'opera di un artista che paragona la capitana alla Madonna, nel suo abbraccio al bambino nero. 

Cosa abbia spinto Perdichizzi ad un gesto così “violento” non è chiaro. Di certo, se credeva di trovare l'applauso dei compagni di partito si è sbagliato di grosso.

“Conosco Perdichizzi - dichiara a MessinaToday il responsabile regionale degli enti locali in Sicilia, Fabio Cantarella, insieme al commissario provinciale di Messina Matteo Francilia- ma le dico subito che non ha alcun incarico di partito e che ha agito a titolo personale e non certo per conto della Lega. Si può non condividere una posizione politica, ma la Lega di certo non va ad imbrattare muri, non compie questi gesti”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taormina, imbratta il murales dedicato a Carola Rackete e se ne vanta ma la Lega prende subito le distanze

MessinaToday è in caricamento