rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Patti

Prima tifano la loro squadra in trasferta, poi saccheggiano l'area di servizio: nei guai tredici "ultras"

La polizia ha chiuso il cerchio sui furti avvenuti lo scorso dicembre nel punto ristoro Tindari Sud. Responsabili alcuni tifosi del Paternò di ritorno da Sant'Agata di Militello. Per loro è scattato il Daspo

La polizia, reparto Volanti e Stradale, ha chiuso il cerchio sui furti di merce avvenuti lo scorso 8 dicembre il punto ristoro Tindari Sud , sull'autostrada A20. Responsabili 13 ultras del Paternò che quel giorno avevano seguito la propria squadra nella trasferta di Sant'Agata di Militello. Durante il viaggio di ritorno verso la cittadina etnea, la sosta nell'area di servizio e il vero e proprio saccheggio. Come ricostruito dagli investigatori, i tifosi hanno perpetrato condotte di gruppo illecite e comunque tali da recare grave pregiudizio all’ordine e alla sicurezza pubblica, consistite nell’essersi appropriati di svariati articoli alimentari, successivamente condivisi con gli altri componenti del gruppo. Fondamentale la visione ed analisi delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, grazie alle quali è stato possibile ricostruire l’intera dinamica dei fatti, accertando che si è trattato di un’azione collettiva, certamente pianificata, ove gli autori, in un contesto di gruppo, si erano suddivisi le condotte, agendo con rapidità estrema, taluni arraffando i prodotti esposti sugli scaffali, occultandoli poi all’interno dei giacconi che gli stessi indossavano, e gli altri creando confusione quale azione diversiva.

Una volta riconosciuti, per i responsabili è immediatamente scattata la segnalazione alla locale Autorità Giudiziaria nonché l’avvio delle procedure per l’irrogazione del provvedimento D.A.SPO.

Gli ultras non potranno accedere ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive: 10 di loro per un periodo compreso tra i 3 e i 5 anni, gli altri tre per un periodo di 6 anni. Quest’ultimi, considerati i precedenti specifici e la spiccata pericolosità sociale, dovranno altresì rispettare le ulteriori prescrizioni convalidate dall’A.G. su proposta della Questura, ossia presentarsi, in occasione di tutti gli incontri di calcio disputati dalla squadra dell’ASD Paternò Calcio, presso gli uffici di polizia competenti per territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima tifano la loro squadra in trasferta, poi saccheggiano l'area di servizio: nei guai tredici "ultras"

MessinaToday è in caricamento