rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

De Luca in Vaticano consegna al Papa una lettera sull'emergenza baraccopoli

Il primo cittadino ha partecipato all'udienza rivolta a tutti i sindaci d'Italia. Al termine la richiesta al pontefice: "Chiedo per me e per l’intera Città di Messina la paterna benedizione”

Il sindaco Cateno De Luca è stato ricevuto stamanein udienza da Papa Francesco in Vaticano, unitamente ad una delegazione di sindaci composta da oltre 120 sindaci, guidata da Antonio Decaro Presidente di Anci. L’udienza è stata introdotta da una riflessione del cardinale Edoardo Menichelli, centrata sul ruolo del Sindaco come ‘figura dalla paternità dilatata’, punto di riferimento per la comunità che ogni Primo cittadino amministra. È stata occasione per ringraziare il Pontefice per la vicinanza e l’attenzione dimostrata nei confronti dei Sindaci, delle comunità e del loro impegno quotidiano, soprattutto nei due anni di pandemia.

Al termine dell’udienza, De Luca ha consegnato al Santo Padre come omaggio, una lettera ed una pen drive contenente un video per testimoniare a Papa Francesco, attraverso poche righe e la visione di un video, Messina vista nella sua indecorosa dimensione delle baraccopoli. Il Sindaco ha ricostruito la storia delle baracche da quando erano ottomila le persone costrette a vivere da decenni in una realtà abitativa e sociale non degna di una società civile, sino alla data del suo insediamento a Sindaco di Messina che “ha segnato l’avvio di un percorso di risanamento della Città per tracciare il cammino che presto consentirà a molte famiglie di avere una casa dignitosa. Affido dunque alle Sue preghiere il lavoro di quanti saranno chiamati ad eseguire queste opere così importanti per la vita di migliaia di persone, e chiedo per me e per l’intera Città di Messina la paterna benedizione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca in Vaticano consegna al Papa una lettera sull'emergenza baraccopoli

MessinaToday è in caricamento