Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Il decreto di sequestro delle navi Caronte Isole minori, la "Fontana" di accuse: "In serio pericolo l'incolumità"

La denuncia dell'imprenditore e concorrente della "Traghetti delle Isole", la sicurezza dei passeggeri posta a rischio e i 29 milioni di euro bloccati in via preventiva. L'atto del Gip Militello che ha portato alla nuova inchiesta e alla nomina di Megna quale amministratore giudiziario

L'inchiesta che ha portato al nuovo sequestro delle tre navi della Caronte & Tourist Isole Minori Spa (Ulisse, Bridge ed Helga) e al blocco preventivo di quasi 29 milioni di euro alla società privata di navigazione nasce da una denuncia. Quella di Francesco Fontana legale rappresentante di un'altra Spa, la Traghetti delle Isole, che aveva partecipato alla gara indetta dalla Regione nell'agosto 2015 per i servizi di trasporto passeggeri e merci con navi ro-ro verso le isole minori. Fontana nell'esposto lamentava irregolarità nell'aggiudicazione del lotto II dell'appalto da oltre 123 milioni di euro "In quanto la nave Pace indicata non aveva i requisiti minimi richiesti dal bando di gara". Quel lotto II aveva a oggetto la tratta Trapani Isole Egadi per un importo a base d'asta di oltre 15 milioni di euro e venne aggiudicato alla Ngi Spa, oggi sotto la lente giudiziaria del tribunale di Messina. 

Traghetti non "sicuri", nuovi avvisi di garanzia 

La circolare nazionale del 4 gennaio 2007 aveva introdotto il piano d'azione in cui vennero stabiliti i requisiti di sicurezza che devono avere le navi. Secondo il decreto di sequestro per il lotto I, Milazzo- Isole Eolie, le navi Bridge ed Helga indicate per la partecipazione all'appalto avevano visto senza comunicazione anche l'utilizzo della Ulisse e che le navi usate nel lotto I non rispondevano ai requisiti minimi previsti dal capitolato d'appalto. "Non vi è dubbio - si legge nel decreto di sequestro firmato dal gip del tribunale di Messina Maria Militello - che la ristrettezza negli spazi di manovra renderebbe le operazioni di emergenza estremamente difficili e potenzialmente potrebbe ritardare o intralciare l'evacuazione sia delle persone a mobilità ridotta sia degli altri passeggeri mettendone in serio pericolo l'incolumità e non si tratta, pertanto, di adeguamenti che costituiscono un "mero comfort" come definito da Franza Vincenzo nelle spontanee dichiarazioni rese in data 8 febbraio 2022". 

La replica della Caronte & Tourist

Secondo il decreto di sequestro il profitto ingiusto per il lotto I ammonta complessivamente a quasi 20 milioni di euro; oltre nove milioni di euro per il lotto III. Il sequestro preventivo in totale ammonta a quasi ventinove milioni per la Caronte & Tourist Isole minori che saranno prelevate dalle somme conservate nel sistema bancario o finanziario  Nominato l'ingegnere Dario Megna quale amministratore giudiziario. 

Nel 2020 un primo sequestro di tre traghetti sempre della Caronte & Tourist Isole minori Spa “Pace”, “Ulisse” e “Caronte” impiegate nelle tratte con gli arcipelaghi per il rispetto delle norme su dotazioni e infrastrutture per l'accesso dei disabili. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il decreto di sequestro delle navi Caronte Isole minori, la "Fontana" di accuse: "In serio pericolo l'incolumità"
MessinaToday è in caricamento