Nizza di Sicilia, raffica di avvisi per il “depuratore che non depura”

L'impianto è stato posto sotto sequestro e affidato a un amministratore giudiziario. Indagati tre sindaci dei comuni interessati, un ex, due funzionari di Nizza e il titolare della ditta che aveva in gestione l'impianto

Il sequestro del depuratore di Nizza

La polemica a Nizza era esplosa almeno cinque anni fa. Oggi, 23 maggio, “Il depuratore che non depura”, è stato posto sotto sequestro dai carabinieri della Compagnia di Messina Sud.

Oltre il sequestro, sono arrivati anche una pioggia di avvisi di garanzia ai sindaci in carica nei comuni interessati, ad un ex sindaco a due funzionari del Comune di Nizza di Sicilia ed al titolare della ditta affidataria della gestione del depuratore. Sono tutti accusati – a vario titolo – di getto pericoloso di cose, attività di gestione di rifiuti non autorizzata, abuso d’ufficio e rifiuto di atti d’ufficio. 

L'impianto consortile di contrada Piana serviva, si fa per dire, i Comuni di Nizza di Sicilia, Fiumedinisi ed Alì Terme. Il decreto di sequestro è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Messina su richiesta della Procura.

L’utilizzo dell’impianto è stato subordinato al controllo di un custode giudiziario nominato dalla Procura.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura a Nizza di Sicilia: tentano di rapire una bimba, messi in fuga dalle urla della nonna

  • Panico e dolore al Verona-Trento, malore fatale per un assistente tecnico

  • La salma di Giuseppe Sorrenti in viaggio, lunedì i funerali alla Chiesa San Francesco di Paola

  • Da Patti al Bambin Gesù di Roma con un volo dell'aeronautica, neonato prematuro verso la salvezza

  • Incidente nella notte in via Catania, muore nell'impatto con un mezzo della Messina Servizi

  • Capo d'Orlando, droga nascosta nei bagni della scuola scoperta dai cani poliziotto

Torna su
MessinaToday è in caricamento