Cronaca

Tre milioni alle Università per sostenere la didattica digitale, Link studenti: “Troppe disuguaglianze, ancora non basta”

All'Ateneo di Messina un milione destinato all'aggiornamento delle tecnologie e delle dotazioni informatiche

La Regione Siciliana destina tre milioni di euro per l'aggiornamento delle tecnologie e delle dotazioni informatiche delle università statali di Catania, Messina e Palermo. "Alla luce dell'attuale sospensione delle attività didattiche, l'azione si propone di contribuire al superamento delle ulteriori esigenze di potenziamento della didattica on-line - spiega una nota dell'assessore regionale all'Istruzione, Roberto Lagalla - che gli Atenei hanno massicciamente attivato sin dall'inizio dell'emergenza da Covid-19".

“Positivo lo stanziamento  di fondi regionali sulla didattica online, ma questo ancora non basta”, è la risposta di Link Messina - Studenti Indipendenti. “L'emergenza sanitaria che stiamo vivendo - spiega il coordinatore Michelangelo Billè - ci ha mostrato quanto le disuguaglianze sociali ed economiche esistano ancora nella nostra società, e la didattica online ne è solo un esempio: ci sono studenti e studentesse che non hanno la possibilità di seguire le lezioni a causa della mancanza di devices o per una scarsa connessione internet. L'università deve intervenire su questo campo facendo svolgere regolarmente il diritto allo studio”.

Intanti, l'assesore Lagalla, in accordo con i tre rettori degli atenei, ha già definito le modalità  di intervento sulla base dei progetti presentati: a ciascuna delle tre università andrà un contributo straordinario di un milione di euro. "Per migliorare ulteriormente la qualità dei servizi di didattica a distanza resi dalle nostre università e per favorire il più ampio esercizio del diritto allo studio da parte degli studenti, soprattutto di quelli in stato di maggiore disagio economico e sociale - dice l'assessore - abbiamo ritenuto di dovere indirizzare alcune e prime risorse per potenziare l'infrastrutturazi... digitale del nostro sistema universitario. Ciò  risponde alle esigenze manifestate dagli studenti e dagli stessi rettori in tema di accessibilità, diffusione e qualità della formazione a distanza (Fad). Tra gli obiettivi del contributo vi è anche quello di ampliare il quantitativo di tecnologie individuali a disposizione degli studenti, in linea coerente con quanto già fatto verso il mondo della scuola. Credo che questo governo regionale, ancor prima delle ulteriori misure che saranno inserite nella imminente legge finanziaria, stia mostrando particolare attenzione nei confronti dell'istruzione accademica - aggiunge -, avendo già destinato 7 milioni di euro a sostegno degli studenti fuori sede, ai quali oggi si aggiungono ulteriori 3 milioni destinati all'innovazione dei sistemi di connessione e comunicazione digitale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre milioni alle Università per sostenere la didattica digitale, Link studenti: “Troppe disuguaglianze, ancora non basta”

MessinaToday è in caricamento